In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Demolita la vecchia edicola di via Cappuccina

Struttura chiusa da sei anni, diventata zona di degrado e intralcio alla ciclabile. Sindaco in sopralluogo durante i lavori

M.CH.
1 minuto di lettura

Il Comune di Venezia ha iniziato oggi i lavori di rimozione dell’edicola che si trova in via Cappuccina all’angolo con via Cavallotti, davanti alla sede dell’Istituto Comprensivo Giulio Cesare. La struttura era chiusa da 6 anni e oltre al suo inutilizzo era diventata punto di degrado dell’area. Andando incontro anche alle richieste dei residenti e visto che il privato non ha esercitato il rinnovo della concessione per l’utilizzo della struttura si è deciso di procedere alla rimozione.

Una scelta che, oltre a migliorare il decoro, consentirà di far proseguire la pista ciclabile e rendere più comodi e sicuri gli spazi per l’ingresso dei genitori e dei bimbi all’interno dell’Istituto Comprensivo Giulio Cesare. I lavori di rimozione sono proseguiti per tutta la giornata e si concluderanno domani mattina. A seguire l’intervento di riqualificazione erano presenti anche il sindaco Luigi Brugnaro e l’assessore alla Sicurezza Elisabetta Pesce.

«Siamo intervenuti in via Cappuccina per rimuovere un’edicola chiusa da anni che era diventata un elemento di degrado in quest’area dove ci sono anche delle scuole e dei bambini - ha detto il sindaco -. Un intervento che abbiamo deciso a favore del decoro e della sicurezza delle persone, oltre che di quest’area. Un esempio del lavoro quotidiano di manutenzione che svolgiamo in tutta la città, spesso in silenzio. La struttura era abbandonata e non più in uso da tempo e andava tolta perché era diventata rifugio per tossicodipendenti e quindi pericolosa. Grazie, dunque, al lavoro degli operai che sono intervenuti questa mattina e anche alla direzione dei Lavori pubblici del Comune di Venezia che ha seguito le operazioni di smantellamento che si stanno svolgendo in piena sicurezza. E grazie anche a quei cittadini che ci segnalano e ci sollecitano interventi come questo».

I commenti dei lettori