In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Social housing, pubblicata la graduatoria degli alloggi in terraferma

Mestre, da subito sarà dato corso alla consegna delle chiavi ai nuovi assegnatari che potranno così entrare in possesso degli appartamenti

Aggiornato alle 1 minuto di lettura

È stata pubblicata la graduatoria del bando Social Housing per 69 alloggi situati in terraferma, resterà pubblicata per 30 giorni consecutivi.
Da subito sarà dato corso alla consegna delle chiavi ai nuovi assegnatari che, nelle prossime settimane, potranno così entrare in possesso dei nuovi alloggi.

«Grazie al lavoro intrapreso dall’amministrazione e all'innovativo programma di pronto riatto messo recentemente a punto insieme ad Insula» dichiara l'assessore alla Coesione sociale Simone Venturini «volto all’immediato recupero di alloggi vuoti che necessitavano di interventi non troppo invasivi, è stato possibile rendere disponibili, oltre ai 36 originariamente previsti, ulteriori 33 alloggi che verranno assegnati utilizzando questa graduatoria. Saranno così 69 i nuclei famigliari che entreranno in una nuova casa».

Questo bando fa seguito agli 11 Bandi Social Housing già pubblicati dal 2018 ad oggi per un totale di 134 abitazioni assegnate in centro storico e isole.

Dal 2018 ad oggi sono stati poi pubblicati e processati anche due bandi Erp: uno speciale per l’isola di Murano, che ha consentito di assegnare 46 nuovi alloggi alle giovani coppie, e il bando Erp 2019. Sono ora in corso le procedure di verifica delle domande raccolte con il Bando Erp 2022 per pubblicare al più presto la graduatoria provvisoria.

Il numero delle assegnazioni da bando e quelle effettuate per le situazioni di emergenza abitativa nell’ultimo biennio superano le 600.

«Il lavoro dell’Amministrazione prosegue» conclude l’assessore «è infatti in previsione la pubblicazione di altri bandi Social Housing per il Lido e per il centro storico grazie ai lavori di manutenzione attualmente in corso che renderanno disponibili numerosi alloggi non Erp».

I commenti dei lettori