In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Ladri in gioielleria a Burano: fermati ma tentano di nascondere 50 mila euro di gioielli

I carabinieri prima hanno bloccato i ladri con l’aiuto dei residenti, denunciandoli. Poi hanno atteso che tornassero sull’isola e, dopo un pedinamento, hanno recuperato la refurtiva

M.CH.
Aggiornato alle 1 minuto di lettura

Il luogo dov'era stata nascosta la refurtiva

 

Giovedì 24 novembre, nel corso di un’attività di controllo del territorio, i militari della Stazione Carabinieri di Venezia Burano sono intervenuti, su segnalazione di alcuni cittadini, per un furto che si era da poco consumato in una gioielleria dell’isola.

L’inseguimento

Il proprietario, aiutato da alcune persone del luogo che avevano assistito ai fatti, si sono messi all’inseguimento dei malfattori che si erano dati alla fuga e hanno permesso così ai Carabinieri di raggiungerli e di fermare i due soggetti, uno nei pressi di un imbarcadero, e l’altro già sul vaporetto, pronti a fare ritorno sulla terraferma. I ladri, un uomo e una donna, con la scusa di acquistare un orologio, si sono fatti aprire la cassaforte del negozio e, distraendo il proprietario, hanno sottratto un rotolo contenente svariati gioielli in oro, del valore complessivo di circa 50 mila euro.

Il bottino nascosto

Il proprietario, tuttavia, resosi conto di quanto stava accadendo, ha provato da subito a fermare i malintenzionati che però si sono repentinamente dati alla fuga. Durante la fuga, l’uomo ha approfittato di un momento di distrazione dei suoi inseguitori per disfarsi del rotolo di gioielli, nascondendolo in un parco poco lontano dal luogo del furto.

[[(gele.Finegil.Image2014v1) Carabinieri Burano]]

La coppia, con svariati precedenti, è stata accompagnata in caserma per gli atti di rito e denunciata a piede libero, mancando il corpo del reato. Una volta usciti dalla caserma però, i due Carabinieri intervenuti, che nel frattempo si erano cambiati in abiti civili, hanno pedinato la coppia con la speranza che si recasse proprio sul luogo dove poco prima aveva nascosto la refurtiva e coglierli in flagranza.

La trappola

I malfattori in effetti, dopo essersi imbarcati su un taxi acqueo, per assicurarsi di non essere seguiti, hanno dapprima fatto più volte il giro dell’isola e infine sono sbarcati nei pressi di un parco giochi.

Tuttavia, mentre erano in procinto di recuperare il rotolo rubato, sono stati riconosciuti da alcuni isolani, che, ignari del fatto che i Carabinieri li stessero già pedinando, sono intervenuti, mettendo la coppia nuovamente in fuga.

I Carabinieri, aiutati da alcuni volontari, hanno setacciato l’area e dopo alcune ore di ricerche sono riusciti a rinvenire il rotolo contenente i gioielli che è stato subito restituito al legittimo proprietario.

I commenti dei lettori