In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Gli rubano le canne da pesca. Albergatore si ribella: «Offro ricompensa a chi mi fa trovare i ladri»

Le sette canne speciali hanno un valore che arriva a 18 mila euro. Portate via a un albergatore di Caorle. Stefano Vigani: «Soldi a chi mi darà informazioni utili per trovarle»

rosario padovano
Aggiornato alle 1 minuto di lettura

Secondo il derubato si è trattato di un furto su commissione

 

Furto di sette canne da pesca, il cui valore oscilla attorno ai 18 mila euro. Il raid si è consumato l'altro giorno a Porto Santa Margherita.

Famiglia sportiva

Il derubato è Stefano Vigani, contitolare assieme al fratello Luca (campione internazionale di tennis nelle categorie Over e già calciatore dilettante) del The One, il prestigioso Hotel 5 stelle di Caorle che da due stagioni offre, oltre alla vacanza, la terrazza più alta della città. Stefano ha lanciato un appello per il ritrovamento delle canne.

Furto su commissione

«Sono canne da pesca Shimano con mulinelli Shimano Stella e Penn. Offro una ricompensa a chi mi darà informazioni utili a recuperarle. Contattatemi in privato». Secondo Vigani si tratterebbe di un furto su commissione.

L'appello alla ricompensa fa sicuramente gola, ma al momento non ci sono tracce dell'attrezzatura trafugata.

Negli ultimi tempi a Caorle non si sono denunciati furti, specie di questo tipo. Quello a Stefano Vigani è il primo di un certo rilievo dall'estate scorsa. Per il momento tutto il mandamento è tranquillo.

Poliziotto albanese in carcere

I tre ladri protagonisti dei furti tra Portogruaro, Concordia e Musile sono in carcere a Pordenone da 10 giorni, e uno di questi è un poliziotto albanese.

Lo hanno scoperto nel corso delle indagini i carabinieri di Portogruaro, che hanno eseguito gli arresti al termine dell'operazione. 

I commenti dei lettori