In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Due elicotteri sequestrati al Lido: non avevano le autorizzazioni al sorvolo di Venezia

I due mezzi operavano dall’aviosuperficie delle ex Officine Sorlini. Sigilli della Finanza

eugenio pendolini
Aggiornato alle 1 minuto di lettura

Due elicotteri sequestrati all’interno del capannone delle officine Sorlini, nei pressi dell’aeroporto Nicelli del Lido di Venezia perché senza le necessarie autorizzazioni per sorvolare la laguna.

È il bilancio dell’attività di indagine svolta dalla Guardia di Finanza di Venezia e dalla Procura della Repubblica di Venezia ai danni di una società operante nel settore turistico, in quanto sprovvisti delle specifiche autorizzazioni ad operare.

In particolare, sono stati eseguiti accertamenti al cui esito sarebbe emerso che una società, con base operativa presso un’elisuperficie vicina all’aeroporto “G. Nicelli” del Lido, quella appunto delle ex officine Aeronavali Sorlini, avrebbe svolto voli panoramici sulla laguna, peraltro mediante una vasta attività di pubblicizzazione su siti internet e sui social, senza possedere il “certificato di operatore aereo” appositamente previsto da un Regolamento Comunitario.

Le Fiamme Gialle, che hanno operato in stretta sinergia con i funzionari della competente direzione dell’Ente Nazionale per l’Aviazione Civile - Enac, hanno dato esecuzione ad un provvedimento di perquisizione e sequestro disposto dalla locale Autorità Giudiziaria presso la base di volo e la sede di alcune delle società coinvolte nella gestione dei mezzi aerei, rinvenendo copiosa documentazione che attesterebbe l’impiego di due elicotteri per attività di sorvolo a fini turistici della laguna veneziana.

All’esito di tale attività i due velivoli sono stati sottoposti a sequestro e rappresentanti di due società operanti nel settore dei servizi aerei, che hanno avuto in gestione gli elicotteri, sono stati segnalati per la presunta violazione degli articoli 1188 e 1231 del Codice della Navigazione, attesa l’assenza della “certificazione” di operatore aereo.

Sono in corso ulteriori attività finalizzate a ricostruire l’intera operatività commerciale della società nonché a verificare l’esistenza di ulteriori responsabili.

I commenti dei lettori