In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Cento cuscini del “cuore” alle donne operate al seno

In consegna ai reparti degli ospedali da parte delle volontarie del Trifoglio rosa di Mestre. Tutto il mese di ottobre dedicato alla prevenzione: passerelle, spettacoli e passeggiate

mitia chiarin
1 minuto di lettura
La consegna dei cuscini del cuore alla “Breast Unit” dell’Angelo 

Cuciti da donne, che stanno lottando o hanno battuto il cancro al seno, e donati alle “Breast Unit”, le unità operatorie dove altre donne vengono operate. Sono un centinaio di cuscini a forma di cuore che nel mese di ottobre, tradizionalmente dedicato alla prevenzione e informazione contro il cancro al seno, vengono consegnati negli ospedali dell’Ulss 3 Serenissima. Da Mestre a Venezia, da Mirano a Chioggia, i cuscini del cuore sono già arrivati ai reparti.

È questa l’iniziativa promossa dalle donne del Trifoglio Rosa Mestre che, oltre a praticare alla Canottieri Mestre da 11 anni lo sport del dragon boat per la riabilitazione psicofisica dopo la malattia, vogliono attraverso questo piccolo gesto essere vicine alle altre donne malate e operate. Stoffa e fili servono per ricucire dolorose ferite comuni. Idea accolta con entusiasmo dalla Breast Unit dell’Usl 3 Serenissima.

A inventare questo particolare cuscino è stata una infermiera statunitense che ha vissuto l’esperienza dell’intervento al seno e la pratica si è diffusa in tutta Europa. La forma ergonomica e accogliente del cuscino unita alla soffice imbottitura diminuiscono la pressione in sede, alleviano il dolore post-operatorio e donano sostegno e supporto al braccio, che ha subito lo svuotamento del cavo ascellare.

Come funziona? Lo spiegano le donne del Trifoglio Rosa. «Si inserisce nell’incavo dell’ascella dalla parte dell’intervento, sia da stese sia da sedute e, sostenendo il braccio, salvaguarda la ferita da dolorose pressioni. Può essere utile anche nei momenti di guida, dando sollievo al fastidio della cintura di sicurezza». Tutti i cuscini, ognuno fatto con stoffe, colori e fantasie diverse, sono stati realizzati a mano dalle atlete del Trifoglio Rosa Mestre. «Particolare cura è stata data anche all’impatto sull’ambiente, utilizzando solo cotone, lino e poliestere di ovatta per l’imbottitura. Confezionati singolarmente, i cuscini verranno fatti trovare – con la collaborazione del personale ospedaliero – sul letto della stanza di degenza e regalati a tutte le donne uscite dalla sala operatoria dopo l'operazione al seno».

L’iniziativa durerà tutto ottobre, mese della prevenzione del tumore al seno e della campagna dell’Ottobre rosa promossa dal Comune di Venezia che viene presentata domani, lunedì, a Ca’ Farsetti dalla presidente del consiglio comunale Ermelinda Damiano, reduce dai festeggiamenti a Roma per i cent’anni della Lilt. Martedì a Venezia un altro gruppo del dragonboat, le Pink Lioness in Venice, presentano alla sede della remiera Bucintoro la “passeggiata rosa” di domenica 16 ottobre attraverso tutta Venezia per raccogliere fondi, da destinare ad Avapo.

Ancora donne operate al seno e atlete del Trifoglio rosa sono protagoniste il 6 ottobre al Teatro Toniolo per la sfilata di moda “La forza in passerella”.mitia chiarin

I commenti dei lettori