In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Tornano dal 1 ottobre le limitazioni per traffico e riscaldamento a Mestre. Rischio stop per auto Euro 4 e 5

Riattivata la ordinanza per le limitazioni allo smog prodotto da veicoli, caldaie, stufe a pellet. Interessati 110 mila mezzi a benzina e diesel in circolazione in terraferma. Se scatta il livello rosso ne possono circolare solo 15 mila. Libera circolazione per i mezzi a gpl, metano, ibridi ed elettrici. Anche gli altri Comuni della città metropolitana si adeguano.

Mitia Chiarin
6 minuti di lettura

Tornano da sabato 1 ottobre le limitazioni alla circolazione dei veicoli in terraferma fino al 30 aprile. Provvedimenti che interessano il traffico in terraferma e che scattano a seconda dei dati rilevati due volte la settimana da Arpav che prende in riferimento i dati delle polveri sottili della centralina del parco Albanese a Bissuola.  Provvedimento illustrato venerdì ai giornalisti dall’assessore all’Ambiente del Comune di Venezia Massimiliano De Martin che ha ribadito che per la lotta allo smog, che vede il Veneto e le altre regioni padane italiane sotto infrazione Ue, è necessaria una politica sempre più di area vasta. Il lockdown pandemico, ha spiegato l’assessore, ha ridotto il traffico in città ma non l’inquinamento e questo è conseguenza dello spostamento di polveri dei venti nell’area padana, del blocco fisiologico causato dalla presenza delle Alpi e da altri fattori ambientali come la scarsità di pioggia. Venezia continua quindi ad investire nella lotta all’inquinamento chiedendo la massima collaborazione dei cittadini. Con l’aumento di piste ciclabili, l’invito anche in inverno è quello di utilizzare il più possibile la bicicletta e la gravissima crisi energetica sicuramente contribuisce a tenere bassa la temperatura di riscaldamento in case e aziende. Il Comune non intende attuare una politica eccessivamente punitiva nei confronti di cittadini e attività economiche ma chiede a tutti uno sforzo di collaborazione. Rassicurazioni anche per i trasporti dell’AUSER della provincia di Venezia, che percorrono in un anno un milione di chilometri, per aiutare persone anziane, malate e disabili in particolare per i trasporti medici e sanitari: i loro furgoni, una quarantina, sono tutti Euro 4, hanno spiegato i volontari ma  il Comune afferma che il loro caso rientra già tra le attività che possono godere delle deroghe alla circolazione. 

I provvedimenti vengono sospesi tra il 17 dicembre e il 7 gennaio 2023. Ma attenzione: in caso di livello rosso dello smog, il provvedimento verrà sospeso solo dal 17 al 27 dicembre. 

 Ma vediamo i provvedimenti. 

RISCALDAMENTO

Occorre regolare i termostati. Ma stavolta non sarà difficile visto gli aumenti dei costi energetici. Le misure: massimo 17 gradi (più 2 di tolleranza) nelle aziende e nell’artigianato. Massimo 19 gradi per abitazioni private, uffici pubblici e privati. 

PER IL TRAFFICO VEICOLARE 

la mappa dell’area coinvolta

1) In caso di nessuna allerta livello 0 - VERDE

DIVIETO di circolazione nei giorni feriali dal lunedì al venerdì, dalle ore 8:30 alle ore 18:30, per le seguenti categorie di veicoli:

ciclomotori e motocicli euro 0;

autovetture ad uso proprio e veicoli commerciali alimentati a benzina Euro 0 e 1;

autovetture ad uso proprio alimentate a diesel Euro 0, 1, 2, 3 e 4 (la limitazione Euro 4, non attuata dal 01/10/2021 al 31/03/2022 per l'emergenza Covid-19, sarà attiva dal 1/4/2022)

veicoli commerciali classificati in categoria N1, N2 e N3 alimentati a diesel Euro 0, 1, 2 , 3 e 4 (la limitazione Euro 4, non attuata dal 01/10/2021 al 31/03/2022 per l'emergenza Covid-19, sarà attiva dal 1/4/2022).

2) In caso di allerta livello 1 - ARANCIO

DIVIETO di circolazione tutti i giorni 7/7 dalle ore 8:30 alle 18:30 per le seguenti categorie di veicoli:

ciclomotori e motocicli Euro 0 e 1;

autovetture ad uso proprio e veicoli commerciali alimentate a benzina Euro 0, 1 e 2 ;

autovetture ad uso proprio alimentate a diesel Euro 0, 1, 2, 3, 4 e 5;

veicoli commerciali classificati di categoria N1, N2 e N3 alimentati a diesel Euro 0, 1, 2, 3 e 4.

3) In caso di allerta livello 2 - ROSSO

DIVIETO di circolazione tutti i giorni 7/7 dalle ore 8:30 alle 18:30 per le seguenti categorie di veicoli:

ciclomotori e motocicli Euro 0 e 1;

autovetture ad uso proprio e veicoli commerciali alimentate a benzina Euro 0, 1 e 2;

autovetture ad uso proprio alimentate a diesel Euro 0, 1, 2, 3, 4 e 5;

veicoli commerciali classificati di categoria N1, N2 e N3 alimentati a diesel Euro 0, 1, 2, 3, 4 e 5 (limitazione Euro 5 solamente dalle 8.30 alle 12.30).

4 ) Divieto di sostare con il motore acceso per gli autobus nella fase di stazionamento ai capolinea, i veicoli merci durante le fasi di carico/scarico, gli autoveicoli in corrispondenza a particolari impianti semaforici o di passaggi a livello e i treni e/o locomotive con motore a combustione.

5) L’ambito territoriale, di cui alla planimetria allegata, sul quale si applicano le limitazioni sopra descritte sono le strade di competenza comunale della terraferma ad eccezione dei tratti di viabilità per il raggiungimento delle aree a parcheggio.

6) I livelli di allerta 1 ARANCIO e 2 ROSSO si attivano in seguito al superamento dei limiti di concentrazioni di PM10 nell’aria. A tal fine ARPAV provvede ad emanare e diffondere agli uffici comunali preposti (Settore Autorizzazioni e Servizi Ambientali) apposita informativa inerente il superamento dei limiti nonché a comunicare l’avvenuto rientro nei limiti di norma.

7) Il presente provvedimento è da ritenersi sospeso, qualora comunicato dai preposti uffici comunali (si veda il punto 6), in occasione del verificarsi di eventi meteorologici straordinari e di scioperi del servizio di trasporto pubblico locale.

Deroghe alle limitazioni al traffico valide in occasione di livello
VERDE:

a) veicoli alimentati a benzina dotati di impianti omologati per il funzionamento anche a gpl o gas metano, purché utilizzino per la circolazione rigorosamente gpl o gas metano, o veicoli dotati di impianti omologati, alimentati a gasolio - gpl o a gasolio – gas metano;
b) autobus adibiti al servizio pubblico di linea e turistici, scuolabus, taxi ed autovetture in servizio di noleggio con conducente;
c) veicoli di trasporto di pasti confezionati per le mense e pasti per comunità;
d) veicoli al servizio di portatori di handicap muniti di contrassegno di cui all’art. 12 del D.P.R. 24 luglio 1996, n. 503; veicoli per il trasporto di persone sottoposte a terapie indispensabili e indifferibili per la cura di gravi malattie in grado di esibire relativa certificazione medica rilasciata dagli Enti competenti; veicoli delle persone che prestano assistenza a ricoverati presso luoghi di cura o servizi residenziali, per autosufficienti e non, o a persone nel relativo domicilio, limitatamente all'assolvimento delle funzioni di assistenza, muniti di titolo autorizzatorio;
e) veicoli adibiti a compiti di soccorso sanitario, compresi quelli dei medici in servizio e dei veterinari in visita domiciliare urgente, muniti di apposito contrassegno rilasciato dal rispettivo ordine;
f) veicoli di servizio e nell’ambito dei compiti d’istituto delle Pubbliche Amministrazioni, compresa la Magistratura, dei Corpi e servizi di Polizia Locale e Provinciale, delle Forze di Polizia, dei Vigili del Fuoco, delle Forze Armate e degli altri Corpi armati dello Stato, del Corpo diplomatico aventi targa CD, del Corpo Consolare aventi targa CC, della Protezione civile, della Croce Rossa Italiana;
g) veicoli che trasportano farmaci, prodotti per uso medico e di consumo sanitario;
h) veicoli utilizzati da persone che non possono recarsi al lavoro con mezzi pubblici a causa dell'orario di inizio o fine turno o del luogo di lavoro, limitatamente al percorso più breve casa-lavoro, purché muniti di dichiarazione del datore di lavoro attestante la tipologia e l’orario di articolazione dei turni e l’effettiva turnazione o di titolo autorizzatorio del lavoratore controfirmato dal datore di lavoro;
i) veicoli degli ospiti degli alberghi e strutture ricettive simili situati nell’area interdetta, limitatamente al percorso necessario all’andata e al ritorno dagli stessi, il giorno dell’arrivo e della partenza, in possesso della copia della prenotazione;
j) veicoli che trasportano almeno 3 persone a bordo se omologati a quattro o più posti oppure con almeno due persone a bordo se omologati a 2 posti (cosiddetto car-pooling);
k) veicoli che debbono recarsi alla revisione obbligatoria (con documenti dell’ufficio del Dipartimento di Trasporti Terrestri o dei Centri di Revisione Autorizzati) limitatamente al percorso strettamente necessario;
l) veicoli degli istituti di vigilanza privata compresi i portavalori;
m) veicoli appartenenti alle categorie “L2” (ciclomotore tre ruote) e “L5” (triciclo) riferite al trasporto merci riferite al trasporto merci e alla categoria “N” di cui all’art. 47 comma 2 lettera c del D.Lgs. 285/1992 “Nuovo Codice della Strada” (veicoli commerciali, classificati come speciali o ad uso specifico di cui all’art. 203 del DPR 495/1992 o ad essi assimilati in base ad eventuale provvedimento comunale);
n) autoveicoli e motoveicoli d’epoca e di interesse storico e collezionistico ai sensi dell’art. 60 del D.Lgs n. 285/92 e s.m.i. “Nuovo Codice della Strada” (D.G.R.V. n. 4117/2007) in occasione di manifestazioni;
o) veicoli provvisti di motori elettrici o ibridi (motore termico/elettrico);
p) veicoli con targa estera purché i conducenti siano residenti e domiciliati all'estero;
q) veicoli classificati come macchine agricole di cui all’art. 57 del D. Lgs 285/92;
r) veicoli dei donatori di sangue, donazione documentabile a posteriori limitatamente al tragitto da casa al centro trasfusionale e ritorno;
Sono ulteriormente esclusi le seguenti categorie dotate di apposita attestazione e/o idonea documentazione specifica da attestare tramite autocertificazione (modulo allegato):
s) veicoli utilizzati per il trasporto di persone che partecipano a cerimonie nuziali o funebri e veicoli al seguito;
t) veicoli per il trasporto alle strutture sanitarie pubbliche o private per sottoporsi a visite mediche, cure ed analisi programmate, nonché per esigenze di urgenza sanitaria da comprovare successivamente con certificato medico rilasciato dal pronto soccorso;
u) veicoli dei paramedici e dei tecnici ospedalieri in servizio di reperibilità, nonché i veicoli di associazioni, imprese e/o persone che svolgono servizio di assistenza sanitaria e/o sociale;
v) veicoli appartenenti a enti pubblici o enti privati, utilizzati per svolgere funzioni di pubblico servizio o di pubblica utilità, individuabili con adeguato contrassegno o con certificazione del datore di lavoro;
w) veicoli con potenza inferiore o uguale a 80 kW, di proprietà di conducenti che abbiano compiuto il 70° anno di età da attestare mediante esibizione di documento di identità,
x) veicoli dei commercianti ambulanti che operano negli spazi inseriti nel piano del commercio su area pubblica del comune;
y) veicoli per il trasporto dei bambini e dei ragazzi da/per asili nido, scuole dell’infanzia (asilo), scuole primarie (elementari), scuole secondarie di primo grado (medie),limitatamente alla mezz’ora prima e dopo l’orario di inizio e fine delle lezioni o di altre attività organizzate in orario extrascolastico dagli istituti di appartenenza (vedi modulistica allegata);
z) veicoli di trasporto collettivo delle società sportive per l’accompagnamento di giovani atleti (massima categoria giovanissimi) verso le strutture sportive, limitatamente al percorso casa – impianto sportivo e limitatamente ai 60 minuti prima e dopo dell’inizio e della fine degli allenamenti muniti di chiara identificazione (logo della società);
aa) veicoli di sacerdoti e ministri di culto di qualsiasi confessione per le funzioni del proprio ministero;
bb) veicoli degli operatori del commercio all’ingrosso dei prodotti deperibili.
cc) veicoli utilizzati per particolari attività urgenti e non programmabili, per assicurare servizi manutentivi di emergenza, nella fase di intervento;
dd) Esclusivamente fino al 30 aprile 2021, in via generale, in ragione della vigenza della deroga disposta con Decreto del coordinatore dell’Unità di crisi ex OCDPC n. 630/2020, n. 1 dell’8 gennaio 2021;
Sono fatte salve le disposizioni comunali vigenti relative alla ZTL e alle modalità carico e scarico delle merci.
Deroghe alle limitazioni al traffico valide in occasione dei livelli di allerta di ARANCIO e ROSSO:
Tutte le deroghe di cui al punto 6, con le seguenti modifiche alla deroga j) e alla deroga w):
a) veicoli che effettuano car-pooling, che trasportano almeno 4 persone a bordo, quale promozione dell’uso collettivo dell’auto;
b) veicoli con potenza inferiore o uguale a 80 kW, di proprietà di conducenti residenti nel Comune di Venezia che abbiano compiuto il 70° anno di età da attestare mediante esibizione di documento di identità,

Sono fatte salve le disposizioni comunali vigenti relative alla ZTL e alle modalità carico e scarico delle merci.

LE AUTOCERTIFICAZIONI 

Autocertificazione Comune di Venezia

Dichiarazione per il dirigente scolastico

La Città metropolitana per aiutare i cittadini a districarsi tra i vari livelli e provvedimenti promuove l’uso sugli smartphone di una APP informativa che si può scaricare qui.

LA APP DELLA CITTA’ METROPOLITANA

I commenti dei lettori