In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Favaro, addio a Delfina Zorzi, una vita spesa per gli altri

E’ mancata nel giorno in cui avrebbe festeggiato il suo 68esimo anniversario di matrimonio

Marta Artico
Aggiornato alle 1 minuto di lettura

«Buona, sempre disponibile con tutti, avrebbe voluto fare la maestra ma la guerra non glie lo ha permesso».

A ricordare la mamma, morta domenica a 91 anni nel giorno dell’anniversario di matrimonio nella sua abitazione di via Ca’ Solaro che condivideva con il marito Aldo, è la figlia, Elettra Vivian, già consigliere di piazza Pastrello. Ma sono in tantissimi in queste ore ad esprimere affetto alla famiglia, tra le più conosciute del territorio. 

Originaria di Zero Branco, in provincia di Treviso, ha sempre vissuto nella frazione di Ca’ Solaro, che ha visto cambiare nel tempo. Conosceva i segreti delle stagioni e della terra, aiutava il marito e chiunque avesse bisogno, faceva volontariato fino a che ha potuto e le forze glie lo hanno permesso, ed  è sempre stata attiva nel tessuto sociale del paese.

La donna si è spenta nella sua abitazione nel giorno in cui avrebbe festeggiato i 68 anni di matrimonio, traguardo a cui teneva particolarmente, come tutte le ricorrenze, che in pochissimi raggiungono, oggi. E’ stata assistita con amore, fino all’ultimo, dalla sua famiglia.

«E’ stata una grande persona, aveva affetto e disponibilità per tutti, una donna di una bontà infinita. Voleva fare la maestra, ma la vita dura della guerra non le ha permesso di realizzare il suo sogno. Ma per noi figli e per quanti hanno avuto modo di conoscerla, è stata maestra di valori  e così la terremo nei nostri cuori» racconta ancora Elettra.

A piangerla i figli Renzo, Roberto, le figlie Adriana Cristina ed Elettra, il marito con il quale ha condiviso tutta la vita, fino all’ultimo.

I funerali si svolgeranno giovedì mattina alle 11 alla chiesa di S.Andrea Apostolo di Favaro 

I commenti dei lettori