In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Salvò i pesci durante la siccità, il Comune di Santa Maria di Sala premia il volontario

Attestato di riconoscimento per Gianmarco Rosato che nei mesi estivi aveva spostato i pesci dai canali quasi secchi a quelli con un po’ di acqua. La sindaca: “Esempio da seguire”

Alberto Sanavia
1 minuto di lettura

Un attestato di riconoscimento per aver messo in salvo centinaia di pesci. Il sindaco di Santa Maria di Sala Natascia Rocchi e l’assessore all’Ambiente Daniel Basso hanno consegnato a Gianmarco Rossato un riconoscimento “per il suo impegno in occasione della siccità dell’estate 2022, nella salvaguardia della fauna ittica dei corsi d’acqua del territorio mettendo in salvo molti pesci, trasportandoli in canali con maggiore portata d’acqua”.

L’idea di Gianmarco si concretizzò a partire dal mese di luglio. Nato e cresciuto a Santa Maria di Sala, il ventinovenne carrozziere decise di dedicare il suo tempo libero per mettere in sicurezza i molti pesci che annaspavano nei canali in secca. «Sono sempre stato un amante della pesca», dice Rossato, «e un giorno nel fossato di via Gaffarello mi accorsi che c’erano alcuni pesci che si dimenavano in pochi centimetri d’acqua. Indossai gli stivali e li raccolsi per portarli nel fiume Muson o comunque in altri canali vicini».

Il suo impegno non passò inosservato, tanto che furono molti i residenti della zona a segnalargli attraverso i sociali alcuni luoghi in cui vi era maggiore criticità. La sua attività è proseguita per tutta l’estate, fino a quando l’arrivo della pioggia ha permesso che la situazione si risolvesse.

«Auspichiamo che l’esempio di Gianmarco sia seguito da molti altri cittadini», dice Rocchi, «e che ognuno porti il suo piccolo contributo nella protezione dell’ambiente e della natura».

I commenti dei lettori