In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Troppi incidenti a Pramaggiore, velocità ridotta a 70 km/h e divieto di sorpasso

Il provvedimento della Città metropolitana per la provinciale 64 su richiesta del sindaco Pivetta. «Se sarà necessario metteremo anche un autovelox»

1 minuto di lettura

Il nuovo cartello con il limite dei 70 Km/h

 

PRAMAGGIORE. Riduzione a 70 Km/h del limite di velocità e divieto di sorpasso in entrambi i sensi di marcia. Questa la sintesi dell’ordinanza che la Città metropolitana ha emesso per portare più sicurezza sulla Strada provinciale “Persiana” 64 nel tratto che transita nel Comune di Pramaggiore e conduce al Comune di Cinto Caomaggiore. Una decisione concordata con il sindaco Fausto Pivetta e la Polizia locale, e assunta alla luce degli incidenti stradali degli ultimi tempi, alcuni con conseguenze gravi, causati in primis dall’eccesso di velocità, problema per il quale sempre più residenti chiedono di porvi rimedio.

«Il provvedimento della Città metropolitana era necessario e potrebbe non essere l’unico» commenta il Sindaco Pivetta «Nel caso la riduzione della velocità a 70 km/h e il divieto di sorpasso non fossero sufficienti chiederemo alla Prefettura di valutare l’installazione anche di un autovelox. Gli automobilisti devono capire che soprattutto nei centri abitati e nei paesi come il nostro la prudenza non è mai troppa e le auto devono rallentare altrimenti è a rischio l’incolumità di residenti e pedoni».

La Città metropolitana con gli operai del settore viabilità ha già provveduto a installare la nuova segnaletica con i nuovi cartelli e con la striscia continua che indica il divieto di sorpasso nel tratto di Sp 64 Persiana interessato dalla riduzione di velocità. «Confido che questo provvedimento sia sufficiente a migliorare la situazione e la viabilità in quel tratto di strada» conclude il sindaco di Pramaggiore «Grazie alla Città metropolitana, ai dirigenti e ai funzionari per la collaborazione e l’attenzione soprattutto al tema della sicurezza stradale».

I commenti dei lettori