In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Dall’Idrovia riemergono quattro casseforti legate alla mafia del Brenta

Avvistate da un pescatore lungo il corso d’acqua in secca. In quella zona anche il cimitero dei membri del clan di cui Felice Maniero non si fidava più

alessandro abbadir
1 minuto di lettura

Felice Maniero protetto dai poliziotti all'epoca del suo pentimento mentre conduce gli inquirenti verso il cimitero di suoi ex fedelissimi che lui aveva fatto uccidere e seppellire lungo l'argine del Brenta a Galta di Vigonovo. A destra l'ex mafioso quando gestiva il traffico di droghe pesanti in Veneto

 
I commenti dei lettori