Vola dal finestrino dell’auto in curva: grave un diciannovenne di Scorzè

L'intervento dell'elisoccorso a Trebaseleghe

L’incidente nella serata di sabato 6 agosto in via Fonti a Sant’Ambrogio di Trebaseleghe. Alla guida un coetaneo del ferito

TREBASELEGHE.Tutto è accaduto in un baleno. L'auto che sfreccia, forse troppo veloce, imboccando la curva a 90 gradi. Poi dal finestrino allineato al sedile posteriore del pick up Mitsubishi sbuca un corpo che si sporge, per finire d'improvviso sull'asfalto mentre la macchina è in corsa.

Ora un diciannovenne veneziano di Scorzè, vittima del drammatico quanto assurdo incidente, si trova ricoverato in gravissime condizioni in seguito a un violento trauma cranico nell'Azienda ospedaliera di Padova dove è stato trasferito a bordo di un elicottero del Suem di Treviso dopo essere stato intubato dall'équipe medica arrivata sul posto.Indagano i carabinieri di Trebaseleghe subito allertati. Secondo alcuni testimoni, intervenuti qualche minuto dopo l'accaduto per cercare di dare una mano, un militare avrebbe redarguito il conducente dell'auto in lacrime: «Non si fanno queste stupidaggini...».

Ma solo più approfonditi accertamenti potranno chiarire quanto è davvero successo. Incrocio fra via delle Fonti e via Rio San Martino a Sant'Ambrogio di Trebaseleghe intorno alle 20 di ieri: l'arteria forma una brusca curva nel cuore di un piccolo borgo residenziale inserito in campagna a due passi dalla frazione.

Al volante del Mitsubishi c'è un ragazzo che è della zona, alle sue spalle sul sedile posteriore l'amico. L'auto percorre quel tragitto e, in quel punto, si verifica la tragedia. Secondo fonti ufficiali dell'Arma il passeggero si sarebbe sporto dal finestrino "volando" sull'asfalto proprio mentre il mezzo era in curva. Resta da capire perché il giovane abbia compiuto quel gesto durante la manovra del guidatore, suo coetaneo.

Forse voleva prendere aria? O stava facendo una bravata e, per "gioco", ignorando l'estrema pericolosità di quel comportamento, mentre la macchina si proiettava in curva inclinandosi come una moto, si è proteso verso l'esterno attraverso il finestrino?

O magari i due volevano emulare qualche acrobazia dei piloti del Rally di Scorzè in programma proprio venerdì e ieri? Sono tutte domande alle quali cercheranno di rispondere i carabinieri. Intanto il giovane sta combattendo per la vita in ospedale dove in serata sono arrivati i genitori.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Venezia, i vigili del fuoco controllano il campanile di San Marco con i droni dopo il maltempo

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi