Siccità e insetti, l’allarme di Coldiretti: «Coltivazioni distrutte». Perso il 45% del mais, il 30% di ortaggi

Un campo di verze e cavoli ormai secchi per la siccità

L’allarme dell’associazione di categoria: il 2022 in Italia è l’anno più caldo di sempre. Molte difficoltà a irrigare tra Miranese e Riviera, nel Portogruarese prolifera l’insetto Spodoptera Exigua

VENEZIA. Il 2022 per gli agricoltori è senza dubbio un annus horribilis. I fortunati che riescono a irrigare i campi lo devono fare a turnazione seguendo le indicazioni del consorzio di bonifica di pertinenza, ma ci sono zone come Mira, Malcontenta Lughetto, Pianiga, Santa Maria di Sala, Salzano e Spinea in cui l’acqua non arriva proprio. E in questo caso c’è poco da fare, le coltivazioni muoiono. A peggiorare la situazione, l'arrivo dell’ondata di calore che ha indotto la Protezione civile regionale a dichiarare lo stato di allarme climatico per disagio fisico per oggi, venerdì, lungo la fascia costiera del Veneto.

E’ così che il 2022 si classifica fino ad ora in Italia come l’anno più caldo di sempre con una temperatura addirittura superiore di +0,98 gradi rispetto alla media storica ma l’aggravante è dettata dalle precipitazioni praticamente dimezzate lungo la Penisola con un calo del 45%. E’ quanto emerge dall’analisi della Coldiretti relativa ai primi sette mesi dell’anno su dati Isac Cnr, che effettua rilevazioni in Italia dal 1800. L’anomalia climatica più evidente quest’anno si è avuta in estate con il mese di giugno che ha fatto registrare una temperatura media superiore di ben +2,88 gradi rispetto alla media su valori vicini al massimo registrato nel 2003 mentre nel mese di luglio la colonnina è stata più alta di +2,26 gradi la media, inferiore solo al 2005.

Pomodori distrutti dalle alte temperature e dalla mancanza di acqua

“Siamo di fronte – spiega Giovanni Pasquali direttore di Coldiretti Venezia – ad un impatto devastante della siccità e delle alte temperature con danni ingenti all’agricoltura, basti pensare ai cali produttivi del 45% per il mais (per chi è riuscito ad irrigare) e i foraggi che servono all’alimentazione degli animali, almeno del 30% per ortaggi, del 20% per il latte nelle stalle, meno 15% frutta ustionata da temperature di 40 gradi, difficoltà anche per il settore florovivaistico, apicoltura, e meno 20% cozze e vongole uccise dalla mancanza di ricambio idrico in laguna di venezia e Delta del Po, dove si allargano le zone di “acqua morta”.

Non è tutto, in quanto la siccità provoca anche il proliferare di insetti. E’ da Portogruaro l’allarme della presenza dell’insetto Spodoptera Exigua ghiotto specialmente di barbabietole da zucchero ma anche di soia che in poche ore può sterminare campi interi di coltivazioni.

Un esemplare di Spodoptera Exigua su una foglia

La siccità è dunque diventata la calamità più rilevante per l’agricoltura con danni per le quantità e la qualità dei raccolti, ma a cambiare significativamente in Italia è la distribuzione temporale e geografica delle precipitazioni. Il nostro Paese resta comunque piovoso con circa 300 miliardi di metri cubi d’acqua che cadono annualmente, ma per le carenze infrastrutturali se ne trattengono solo l’11%.

Di fronte alla tropicalizzazione del clima occorre organizzarsi per raccogliere l’acqua nei periodi più piovosi per renderla disponibile nei momenti di difficoltà. Per questo servono – continua Coldiretti – interventi di manutenzione, risparmio, recupero e riciclaggio delle acque con le opere infrastrutturali, potenziando la rete di invasi sui territori, creando bacini e utilizzando anche le ex cave per raccogliere l’acqua piovana.

“Gli agricoltori sono già impegnati a fare la propria parte per promuovere l’uso razionale dell’acqua, lo sviluppo di sistemi di irrigazione a basso impatto e l’innovazione con colture meno idro-esigenti, ma non deve essere dimenticato che l’acqua è essenziale per mantenere in vita sistemi agricoli senza i quali è a rischio la sopravvivenza del territorio, la produzione di cibo e la competitività dell’intero settore alimentare” afferma il presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare la strategicità in questo momento storico del progetto invasi elaborato da Anbi e Coldiretti. “L’agricoltura – conclude Prandini – è infatti l’attività economica che più di tutte le altre vive quotidianamente le conseguenze dei cambiamenti climatici ma è anche il settore più impegnato per contrastarli”.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Argentina, un gruppo di balene gioca con due surfisti per un'ora (e una si fa anche accarezzare)

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi