Marghera: si ferma a prestare aiuto, viene aggredito e rapinato

In piazza Mercato l’uomo ha trovato una bici a terra in mezzo alla strada. Sceso dalla Vespa è stato colpito ma è riuscito a difendersi e a scappare

MARGHERA.  Tentata rapina con aggressione venerdì sera, intorno alle 19,45, nella centralissima piazza Mercato a Marghera. Un’aggressione alla quale hanno assistito diverse persone, nessuna delle quali è intervenuta. Preso di mira un 57enne che stava tornando a casa a bordo della sua Vespa. Nella colluttazione con due stranieri ha rimediato numerosi colpi. Portato in ospedale la prognosi è di trenta giorni. Sull’accaduto indaga la polizia.

L’uomo stava percorrendo la piazza dal lato della Coop. Ad un certo punto ha trovato, in mezzo alla strada una bicicletta buttata a terra. Si è fermato per controllare cosa era successo, temeva ci fosse stato un incidente e qualcuno si fosse fatto male. Spenta la moto e sceso per andare verso la bicicletta, come fantasmi, da dietro un angolo sono usciti due magrebini che lo hanno aggredito alle spalle. Mentre uno lo teneva fermo l’altro riusciva a strappargli lo zaino che aveva in spalla. Dopo un primo attimo di smarrimento l’uomo ha reagito. Nella foga della colluttazione tutti e tre finiscono a terra. L’uomo si difende come può e nonostante sia in inferiorità numerica mette in difficoltà i due stranieri. Lui rimedia diversi colpi al torace e alle gambe. Alla fine è riuscito a riprendersi lo zaino e ha colpito con alcuni pugni gli aggressori. Pugni che si sono fatti sentire sul volto e sul collo degli aggressori. Il 57enne lesto si è alzato e con lo zaino è scappato verso il Municipio. A quel punto i due magrebini hanno desistito e se ne sono andati dal lato opposto. L’aggredito si è diretto verso gli uffici della polizia locale, ma in quel momento l’unica vigilessa presente non era in grado di raccogliere la denuncia è lo ha invitato ad andare al commissariato di Polizia dove ha sporto denuncia. Una volta tornato a casa si è fatto portare al Pronto soccorso dell’ospedale dell’Angelo dove stato sottoposto a vari accertamenti. Nella colluttazione i pugni ricevuti all’addome e al torace hanno fatto parecchi danni. Infatti i medici gli hanno riscontrato la frattura di alcune costole. La prognosi è di una trentina di giorni.

La polizia per risalire ai due aggressori ha a disposizioni le immagini delle telecamere pubbliche di videosorveglianza che si trovano in zona. Da quanto ha raccontato l’uomo i due non avranno avuto nemmeno una trentina di anni. Li ha visti bene in faccia e ha saputo descriverli, nonostante la paura e l’agitazione seguite all’aggressione.

Non è la prima volta che in zona Marghera venga insegnato un incidente per poter aggredire e derubare i passanti. Lo scorso autunno era successo in zona piazzale Giovannacci. In quel caso vennero presi di mira dei ragazzini che viaggiavano in monopattino elettrico. A mettere di traverso loro una bicicletta furono altri ragazzi poco più grandi e in passato legati a delle baby gang. Riuscirono a rapinare uno dei monopattini. Successivamente i carabinieri della compagnia arrestarono i responsabili, ma purtroppo il monopattino non venne recuperato. In compenso venne sequestrata altra refurtiva tra cui biciclette e apparecchi elettronici.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Calenda: "Parlerò di accordi solo dopo che sono stati siglati con il sangue"

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi