Venezia torna capofila della Società Italiana Banche degli Occhi, Ponzin nominato nuovo presidente

Mestre, Banche unite nel dialogo con le istituzioni sui criteri di qualità e sicurezza dei tessuti. «Dall’innovazione nei trapianti un nuovo ruolo per l’eye banking»

MESTRE. «Il lavoro della banca degli occhi si è completamente rinnovato: l’operatore di eye banking è in prima linea nella rivoluzione delle tecniche del trapianto di cornea, e le banche degli occhi devono essere sempre più coordinate nel dialogo con le istituzioni, e connesse nella formazione reciproca per rispondere alle nuove sfide dell’oftalmologia». A dichiararlo è Diego Ponzin, nuovo presidente della Società Italiana Banche degli Occhi (Sibo) che, succedendo a Federico Genzano Besso, presiederà per i prossimi tre anni la società insieme ad un nuovo Consiglio direttivo.

IL NUOVO DIRETTIVO

 Insieme a Diego Ponzin (Fondazione Banca degli Occhi del Veneto), sono state nominate la Vice Presidente Raffaella Mistò (Banca degli occhi di Monza) e i Consiglieri Paola Bonci (Banca delle cornee dell’Emilia Romagna), Rossella Colabelli (Banca degli occhi del Lazio), Paola Pagani (Fondazione Banca degli Occhi Melvin Jones, Genova), Piera Santoro (Banca degli occhi del Piemonte), Germano Genitti (Banca degli occhi de l’Aquila).

CHI E’ IL PRESIDENTE

Diego Ponzin, oculista, è direttore sanitario di Fondazione Banca degli Occhi del Veneto e opera nell’eye banking dal 1993. Torna dunque a Venezia la presidenza Sibo, società creata nel 2003 proprio sulla spinta della banca degli occhi veneta, prima nata nel settore, per unire le strutture responsabili della raccolta e preparazione delle cornee per trapianto. Una realtà che si è oggi ampiamente sviluppata: le banche degli occhi operative in Italia sono attualmente 12, hanno raccolto nell’ultimo anno cornee da 6.695 donatori (dato in calo tra il 20% e il 30% a causa della pandemia) e distribuito tessuti per 5.557 trapianti.

«SUPERATA LA PANDEMIA»

«Il lavoro del precedente Direttivo SIBO, avviato nel 2017, si è protratto per due anni in più a causa della pandemia » conferma Federico Genzano Besso, Presidente Sibo  uscente e responsabile delle Banche dei Tessuti della Regione Piemonte «abbiamo sempre continuato a lavorare portando avanti le nostre esigenze tecnico-scientifiche e siamo riusciti, partecipando alla Consulta Nazionale per i Trapianti, a far redigere un documento che ci consentiva di mantenere l’attività di donazione adeguata alle esigenze del momento e a dare l’indicazione che il trapianto di cornea potesse proseguire come attività prioritaria, anche nelle fasi più difficili di diffusione del Covid 19».

OBIETTIVI DEI PROSSIMI TRE ANNI

«La Società Italiana delle Banche degli Occhi è adulta: dopo 19 anni, è un punto di riferimento nel raccogliere le istanze del mondo dell’eye banking italiano e nel dialogo con gli enti regolatori» afferma il neopresidente Diego Ponzin. «Nel prossimo triennio intendiamo completare alcune rilevanti iniziative avviate tese a uniformare e diffondere i criteri di sicurezza e qualità dei tessuti, per dare la giusta risposta di fronte ai diversi problemi posti dalla selezione del tessuto e del donatore» spiega spiega Ponzin «Lavoreremo anche per mantenere la qualità della comunicazione con le autorità di riferimento, in particolare con il Centro Nazionale Trapianti. Continueremo infine a favorire uno scambio di conoscenza e formazione reciproca di fronte alle nuove sfide della chirurgia, poiché l’avvento dei trapianti selettivi sta trasformando profondamente il nostro lavoro».

LE BANCHE E I NUOVI TRAPIANTI

Divenute in alcuni casi vere e proprie anticamere della sala operatoria, le banche degli occhi sono pienamente coinvolte nel processo di preparazione dei tessuti con metodologie innovative, per l’innesto di lembi sempre più sottili e selezionati quasi su misura sulle necessità del chirurgo e del paziente, per interventi come la cheratoplastica lamellare anteriore o l’endocheratoplastica. «Un’attività che presuppone un grande lavoro di ricerca e affinamento tecnico» continua Diego Ponzin « per valorizzare ogni tessuto, frutto di una donazione. Questo è un aspetto prioritario per la banca degli occhi: portare a buon fine ogni trapianto per valorizzare ogni dono e il gesto generoso di migliaia di famiglie».

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

L'addio a Piero Angela, il ricordo del figlio Alberto: "È stato come vivere con Leonardo da Vinci"

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi