Contenuto riservato agli abbonati

Futuro di Porto Marghera: da Segre fino a Cofferati, tutti con la Cgil

In collegamento l’ex segretario generale e la segretaria nazionale Fiom. Il regista: «Il Capannone diventi luogo di elaborazione di idee»

MESTRE. «Sono venuto qui al Capannone perché mi pare impossibile che una decisione su questo posto possa prescindere dal sindacato e dai lavoratori. Si possono fare anche altre cose: ci ho anche fatto proiezioni del mio film. Ma non si prescinde dai lavoratori. Il Capannone ha tantissima memoria. Ma da Porto Marghera oggi pare facile scappare e invece occorre pensare a cosa costruire qui.

Video del giorno

Del Piero, la moglie Sonia lo prende in giro sui social: Alex reagisce da perfetto attore

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi