Covid e guerra ucraina, tutte le paure a Telefono Amico di Venezia

Le chiamate ai volontari sono cresciute del 70% in un anno. Tantissimi i giovani che raccontano solitudine e depressione

VENEZIA. Paura da guerra e Covid, salgono del 70% le richieste d’aiuto al Telefono Amico di Venezia: boom dei giovani. I dati dell’ultimo anno sono eloquenti: se nel 2020 le telefonate ricevute erano circa 2 mila, all’inizio del 2022 la quota è salita a 3.508.

A spiegare i motivi di questa impennata è Gianni Cortesi, presidente dell’associazione di volontariato presente nel territorio fin dal 1969.

«Il primo dato che ci ha colpito», dice Cortesi, «riguarda l’età delle persone che ci contattano. Fino a ieri adolescenti e giovani ci contattavano occasionalmente, mentre l’isolamento e la didattica a distanza hanno fatto affiorare la fragilità».

Ecco che ben 241 giovani fino ai 25 anni si sono rivolti e si rivolgono tutt’ora ai volontari di Telefono Amico, che si formano con corsi propedeutici al servizio d’ascolto e percorsi di formazione permanente, talvolta avvalendosi di professionisti esterni a seconda della gravità dei casi.

«Da circa tempo ormai», continua Cortesi, «quasi ogni telefonata che riceviamo fa riferimento alle paure legate alla guerra in Ucraina e a quanto essa possa creare conseguenze sull’economia e la stabilità dei nuclei familiari».

Nel 2021 le telefonate contenenti chiari riferimenti alla paura e all’ansia causate dalla pandemia sono state 469, ora incrementate dal conflitto in Ucraina, dai rincari e anche dall’instabilità del lavoro dei congiunti.

I giovani esprimono soprattutto il loro disagio sulla solitudine, famiglia, difficoltà di rapporti, depressione, disagio nelle limitazioni alla sessualità individuale o alle relazioni sentimentali ed amicali in generale.

«Il più delle volte si avverte una forma di inadeguatezza sui modelli proposti dalla società moderna», dice Cortesi, «e il fatto di poter parlare con noi in anonimato sapendo di poter contare sulla nostra riservatezza, permette loro di aprirsi».

Ma le richieste di aiuto riguardano anche gli adulti. Le persone che hanno manifestato pensieri suicidari sono state 45 nel 2021 (contro le 25 del 2020), mentre il tema del suicidio legato a parenti o conoscenti è triplicato, essendo toccato in ben 622 telefonate nel 2021, a fronte delle 180 del 2020.

«Un’altra realtà», sottolinea Cortesi, «si manifesta nell’area delle persone che soffrono di disagio psichico. Ad esempio, il Covid ha condizionato fortemente il loro accesso ai centri di igiene mentale. Le telefonate in cui si rilevava un disagio diffuso anche da parte di chi vive a stretto contatto con questa realtà sono state 598 nel 2021, rispetto le 177 dell’anno precedente».

Per tutti questi motivi, Telefono Amico di Venezia lancia un appello, perché il trend dei primi tre mesi del 2022 è in linea se non addirittura in crescita, con una media di oltre 10 chiamate al giorno. A livello nazionale esiste il numero 02.23272327 (WhatsApp 324.0117252), attivo tutti i giorni dalle 10 alle 24, che va a smistare le chiamate ai volontari del territorio da cui le persone chiamano.

«Il numero è gratuito», dice Cortesi, «e il fatto di poter parlare con qualcuno delle proprie paure, pronto ad ascoltarti, è già un primo passo per affrontarle e risolverle. Ognuno con le sue modalità, ci ha contattato per la prima volta ed ha trovato nei nostri volontari e con il nostro modo di “ascoltare attivamente” quel luogo che non giudica le loro fragilità, ma che le comprende e le sa ascoltare accogliendone la drammaticità e la pesantezza». 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Tennis, il gesto di stizza di Ymer dopo un punto perso: distrugge la telecamera con una pallata

Insalata di quinoa con ceci, fagiolini, cetrioli, more e noci con salsa al cocco e curry

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi