La commozione di 500 persone a Camponogara per l’addio a mamma Catty

La folla di fedeli sul sagrato (Foto  Pòrcile)

L’impegno degli amici della donna morta di tumore a 37 anni: saremo sempre accanto a tuo marito e ai bambini. «Sei stata sorridente fino all’ultimo, veglia su di noi da lassù»

CAMPONOGARA. «Saremo sempre accanto alla tua famiglia, ai tuoi figli amatissimi e al tuo marito Luca. Eri una persona umile, generosa e con grandissime qualità. Veglierai da lassù su tutti noi». Questo il toccante messaggio di saluto, martedì pomeriggio nella chiesa di Camponogara, da parte degli amici della “compagnia” di Catty Monetti. Persone a lei vicine da tanto tempo, che le sono state accanto anche nei momenti più brutti. Da qualche anno la donna lottava contro un tumore al seno.  Nonostante la malattia e le sue conseguenze, però, la giovane mamma non si era mai persa d’animo ha combattuto fin da subito anche se poi con il tempo purtroppo la situazione clinica si è aggravata.

In chiesa fra le lacrime c’erano tanti piccoli amici dei figli di Catty e tanti genitori delle scuole medie ed elementari del capoluogo. Al funerale della mamma di 37 anni che lascia due bimbi di 7 e 11 anni  a Camponogara hanno partecipato quasi 500 persone. Fra i presenti c’erano esponenti dell’amministrazione comunale, l’ex sindaco Walter Mescalchin e anche l’ex consigliere regionale e ora consigliere comunale Franco Ferrari.

L'ultimo struggente saluto del marito e dei figli 

«Tutta la comunità cristiana è qui riunita» ha detto il parroco Don Alberto Peron «per dare un saluto a questa mamma , persona di grande cuore ed esempio per tutti e per la famiglia». A Ricordare chi fosse Catty in chiesa è stato anche un fratello che ha ricordato i momenti felici di una vita passati insieme fin da quando erano piccolo . «Sono sicuro» ha detto commosso «che ci rivedremo anche nel mondo ultraterreno».

Catty, ha raccontato chi le è stato vicino fino alla fine nei giorni scorsi, è rimasta sorridente fino all’ultimo, ha sempre avuto il sorriso sulle labbra. Diceva a tutti, soprattutto ai famigliari, di non preoccuparsi. Pensava sempre in maniera positiva. «E’ stata una grande mamma e moglie»  ha ricordato il cognato Cristian.

La donna lavorava come impiegata con il marito Luca, titolare di due autoscuole a Camponogara e a Campagna Lupia. Risiedeva in via Matteotti, dove si trova anche l’autoscuola. Era una donna colta e piena di iniziative . All’Università si era laureata in letteratura russa. 

 Lascia il marito Luca, i figli Pietro ed Eva, la mamma, il papà, i fratelli, i cognati, i nipoti, i suoceri, gli zii, i cugini, e tanti amici. 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Giorgia Soleri: "Vi racconto storie di malattie invisibili come la mia". La rubrica su Salute

Bruschette integrali con fagioli e zucchine marinate

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi