Furioso incendio in un suolificio della Riviera del Brenta. Il sindaco: «State a casa con le finestre chiuse»

Fiamme dal capannone della “Padovano” di Fiesso d’Artico, il rogo brucia solventi. Impegnate squadre di vigili del fuoco da Mira, Mestre e Padova

FIESSO D’ARTICO. Un grosso incendio è scoppiato giovedì mattina intorno alle ore 8 in un capannone della Riviera del Brenta: le fiamme sono divampate all'interno del suolificio Padovano, in via Puccini a Fiesso d'Artico.

A quanto si apprende, non dovrebbero esserci feriti. Sul posto sono intervenuti, in prima battuta, quattro squadre di vigili del fuoco da Mira e Mestre, cui se ne sono aggiunte poi altre da Padova. 

Ingenti i danni alla fabbrica: da una prima stima si parla di decine e decine di migliaia di euro tra attrezzatura distrutta e prodotti rovinati.

Sulla natura dell’incendio stanno indagando i pompieri, anche se è probabile si tratti di cause accidentali.

Il sindaco Marco Cominato, a causa dell'odore acre che si è rapidamente diffuso nell'aria, ha consigliato alla cittadinanza di mantenere chiuse porte e finestre.

Secondo quanto riferito dai Vigili del fuoco, nell'incendio una donna è rimasta lievemente ferita.

Le fiamme sono divampate mentre stava iniziando l'attività lavorativa. Il rogo ha prodotto un'alta colonna di fumo visibile a chilometri di distanza.

I vigili del fuoco, accorsi da Mestre e Mira con 2 autopompe, 3 autobotti, un'autoscala, il carro aria, altri mezzi di supporto e 25 operatori coordinati dal capo servizio e dal funzionario di guardia, hanno iniziato le operazioni di spegnimento, riuscendo a circoscrivere le fiamme ed evitare un incendio generalizzato.

La donna, leggermente ustionata alle mani, è stata assistita dal personale del Suem e trasferita in ospedale. Sono ora in corso le operazioni di completo spegnimento e bonifica. Le cause dell'incendio sono al vaglio dei tecnici.

L’Arpav ha eseguito attività di campionamento per la ricaduta dei fumi e di amianto in aria per la presenza di un tetto in eternit e campionamenti delle acque di spegnimento che dovrebbero confluire in un corpo idrico superficiale. 

Alle 12 il sindaco Cominato attraverso Facebook ha annunciato: "L’incendio di via Puccini è stato domato. Dai rilievi di Arpav non risultano sostanze inquinanti nell’aria. Le indagini proseguono da parte degli organi preposti”. 

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

L'addio a Piero Angela, il ricordo del figlio Alberto: "È stato come vivere con Leonardo da Vinci"

Focaccia con filetti di tonno, cipolla rossa e olive

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi