Contenuto riservato agli abbonati

Venezia e l’entroterra piacciono ai criminali. Qui ’ndrangheta, camorra e triadi cinesi

Sequestri di case a Portogruaro e litorale collegati a clan mafiosi del Sud. A Mestre beni dell’organizzazione cinese di Keke Pan. In riviera, Maniero & Co

VENEZIA. Con 128 beni confiscati, la provincia di Venezia è al secondo posto in Veneto, dopo Vicenza, nella graduatoria dei territori dove lo Stato è riuscito a togliere alle mafie quello su cui avevano investito i loro sporchi guadagni. Ma pure qui, come nel resto del Veneto, solo in minima parte questi beni sono stati assegnati alla comunità. Di questo patrimonio solo 16 beni sono stati assegnati a enti locali, mentre 59 sono in gestione per una possibile assegnazione.

Ben

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Maxi rissa a Savona nel cuore della movida: il degrado della Vecchia Darsena

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi