Contenuto riservato agli abbonati

Venezia, a gennaio chiude la metà degli alberghi. I bar lavorano al 30 per cento

Pochissimi i turisti presenti in laguna e gli hotel e i locali scelgono di fare manutenzione

VENEZIA.Pochi turisti e una parte di Venezia chiude. Abbassano le saracinesche ristoratori e titolari di bar, chi per andare in ferie chi per tinteggiare le pareti. Staccano l’impianto luci gli alberghi, più propensi a non incassare affatto piuttosto che a incassare male, un giorno sì e una settimana no, lasciando il personale con le mani in mano. Coprono le vetrine i negozi che vivono prevalentemente con gli stranieri, a cominciare dalle botteghe di souvenir, vetri, paccottiglia, e la città piomba nella letargia di gennaio.

«Questo

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Jesolo, lo spettacolo della spiaggia imbiancata dalla brina all'alba

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi