Contenuto riservato agli abbonati

Insulti e minacce nelle mail. A Mestre l’assessore Boraso nel mirino dei no vax

L'assessore Renato Boraso e una manifestazione no vax

La vittima: «Informati Digos e sindaco, passo alle vie legali, non ne posso davvero più». Anche il dg dell’Usl 4 ha deciso di contrastare gli odiatori social: «Già denunciata una donna»

MESTRE. Tira brutta aria da tempo e non solo sui social. Anche nei centri vaccinali, in quelli per i tamponi, offese, ingiurie e persino atti violenti si verificano. E le mail di chi è in prima linea nella lotta al Covid, siano esperti sotto i riflettori come Antonella Viola o politici, dal presidente Zaia fino agli assessori che si occupano di servizi “sensibili”, come il trasporto pubblico, finiscono intasate dalle critiche, sempre lecite, ma anche da esplicite offese.

Video del giorno

Tragedia all'asilo dell'Aquila, lutto cittadino per il piccolo Tommaso

Farinata con asparagi e cipollotti

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi