Contenuto riservato agli abbonati

Le prime 107 primavere di nonna Rina la supercentenaria di Mirano che ha battuto il Covid. «Il mio segreto? La speranza»

Ha visto due guerre mondiali, tre pandemie, è stata infettata dal coronavirus, ma ha sempre avuto la meglio lei

MIRANO. Quando è nata Rina Bettini, il 31 dicembre 1914 a Fossò, l’Italia non era ancora entrata nel primo conflitto mondiale e la Fiat non aveva ancora progettato il primo prototipo della “Topolino”.

E nell’ultimo giorno del 2021, attorniata dalle amorevoli attenzioni del personale dell’Ipab Mariutto-Nucleo Glicine, dagli ospiti residenti e dalla nipote Alda, unica parente rimasta, nonna Rina ha raggiunto, emozionata, il traguardo delle 107 candeline. Ha

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid, Marco Melandri ritratta: "Era una battuta, non mi sono fatto contagiare volontariamente"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi