In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
camponogara

Morto al Porto di Trieste «Il massimo sostegno alla famiglia di Daniele»

A.Ab.
1 minuto di lettura

CAMPONOGARA

«Daremo alla famiglia colpita dal lutto il massimo sostegno possibile, siamo a loro completa disposizione. Ora aspettiamo che la magistratura faccia i suoi passi e faccia chiarezza sull’accaduto». Così Massimo Pasqual, titolare dell’azienda “Pasqual Zemiro”, in cui lavorava Daniele Zacchetti, 58enne morto venerdì scorso in un incidente sul lavoro al Porto di Trieste. Insieme a un collega stava smontando l’attrezzatura del cantiere di una banchina non più operativa. Improvvisamente un braccio meccanico ha ceduto di schianto travolgendolo. Non c’è stato nulla da fare. Ieri e venerdì l’azienda ha chiuso per lutto.

«Sapremo domani (oggi, ndr) se sarà disposta l’autopsia su Daniele»,

La famiglia, intanto, dovrà decidere se celebrare il funerale nella chiesa di Calcroci, dove risiedeva attualmente, o a Santa Maria Assunta a Campolongo, paese di cui era originario. Anche il Comune di Campolongo, con la vicesindaco Serena Universi, si è messa a disposizione dei famigliari con servizi di aiuto psicologico, se necessario, considerato il grave momento. —

A.Ab.

I commenti dei lettori