In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni
A codevigo, in località rosara

Frontale sulla Romea, muore a 47 anni

Stefano Costa, pescatore di Chioggia, era andato a trovare la madre. Feriti una donna di 40 anni e un ragazzo di 21

Martina Maniero
1 minuto di lettura

CHIOGGIA

Ancora una tragedia della strada. Ancora una volta lungo la statale 309 Romea in località Rosara, nel Comune di Codevigo. Sempre lì, lungo quel maledetto rettilineo che unisce la frazione di Santa Margherita alle porte di Venezia: in poco più di una settimana hanno perso la vita tre persone. L’ennesimo incidente mortale si è verificato ieri pomeriggio, poco dopo le 15.30. Nell’impatto, violentissimo, ha perso la vita Stefano Costa, 47enne di Chioggia. Un “caparozzolante” originario della zona Fossetta, che tornava dopo aver passato le ultime ore con la madre, residente in zona.

LA DINAMICA

L’uomo viaggiava a bordo di una Peugeot 206 in direzione Mestre-Chioggia quando, per cause ancora in fase di accertamento, avrebbe invaso la corsia opposta, scontrandosi frontalmente contro un furgone che proveniva dalla direzione opposta. Al volante di quest’ultimo mezzo c’era un cittadino polacco. Insieme a Costa viaggiavano una donna di 40 anni e un ragazzo di 21, anche loro entrambi di Chioggia. Per il 47enne non c’è stato nulla da fare: l’uomo è morto praticamente sul colpo. Feriti gravi, invece, i due passeggeri. Rimasti incastrati tra le lamiere, sono stati liberati solo grazie all’intervento dei vigili del fuoco di Piove di Sacco. Presi in cura dal personale del Suem, non appena stabilizzati, sono stati trasferiti all’ospedale di Padova in elicottero e in ambulanza. Entrambi si trovano in area rossa.

Miracolosamente illeso, invece, il conducente polacco del camion, finito fuori strada sotto il piano stradale. Sul posto sono intervenuti i carabinieri della Compagnia di Piove di Sacco. Le operazioni di rilievo per determinare le cause del sinistro sono durate fino a tarda serata e il traffico è stato deviato verso strade secondarie con inevitabili disagi alla circolazione stradale. Soltanto verso le 19 il transito veicolare è ripreso regolarmente. Lo scontro frontale si è verificato al chilometro 101 della statale.

una settimana fa l’altro mortale

Solo sabato scorso, nello stesso tratto di strada, a pochissimi chilometri da quest’ultimo incidente mortale (precisamente al chilometro 103+600), avevano perso la vita due siciliani di Gela (Caltanissetta): Carlo Cavaleri, 51 anni, e Concetta Bilardi di 48. La concomitanza di eventi non è un caso, ma conferma la pericolosità della strada, teatro di decine di incidenti. La coppia di siciliani, che viaggiava a bordo di un coupé Alfa Romeo in direzione di Chioggia, aveva impattato frontalmente contro un suv Jeep che procedeva in direzione opposta. Un frontale, come quello di ieri. L’evento sarebbe peraltro stato condizionato da un altro incidente, registrato poco prima a poca distanza. Secondo i rilievi della settimana scorso, la Jeep, con al volante un ascolano di 41 anni, viaggiava ad alta velocità e per aggirare il luogo di intervento dei vigili del fuoco.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

I commenti dei lettori