Contenuto riservato agli abbonati

Scure dei carabinieri sui centri massaggi nel quartiere Piave di Mestre

Manodopera in nero e irregolarità, multe da 43 mila euro. Controlli dei militari assieme all’Ispettorato del Lavoro. Nel mirino i due centri massaggio da tempo monitorati per il sospetto che altro non fossero che dei “bordelli”, sotto mentite spoglie

Centri massaggi in zona via Piave, la scure dei carabinieri. I militari ne hanno chiuso uno per uso di manodopera in nero e sanzionato un altro per mancanza di requisiti di sicurezza. Le multe complessivamente ammontano a 43 mila euro. La piaga della manodopera in nero continua a rappresentare una caratteristica di questo periodo di ripresa economica dopo il 2020, l’anno nero da lockdown.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro torna negativo e riabbraccia e coccola la figlia

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi