Contenuto riservato agli abbonati

Mestre, disabile in carrozzina scippata del telefonino dal ladro in bicicletta: «Nessun rispetto per noi»

Gino e Maria Cristina Baoduzzi, la coppia in carrozzina

L’episodio è avvenuto mercoledì alle 17.45 al quartiere Piave.  La donna era insieme al marito: «Siamo stati presi dalla rabbia»

MESTRE. «Se avessi la possibilità di correre, ti giuro, avrei cercato di fermarlo in ogni modo e lo avrei preso a pugni volentieri». Gino Baoduzzi racconta, senza nascondere la rabbia, la disavventura che lo ha coinvolto con la moglie mercoledì pomeriggio in via Piave, all’angolo con via Cavallotti. Erano circa le 17.45. Maria Cristina, si è vista strappare dalle mani il cellulare nuovo, con una cover blu, che stava usando per mandare un messaggio ai figli.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro torna negativo e riabbraccia e coccola la figlia

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi