Contenuto riservato agli abbonati

A Chioggia la portineria di quartiere come antidoto alla solitudine e aiuto nella quotidianità

La sede della portineria di quartiere a Chioggia

Aperto in calle Nordio Marangoni il presidio di Csv e associazioni, è a disposizione di chi è più solo 40 volontari per piccole incombenze

CHIOGGIA. Dal pagamento della bolletta alla sostituzione della lampadina. Per combattere la solitudine e l’impoverimento delle reti sociali, Chioggia punta sulla “Portineria di quartiere. Avamposto di comunità”, un progetto innovativo ideato dal Csv di Venezia in collaborazione con alcune sigle di volontariato locale.

Si tratta di un luogo fisico in cui trovare persone disponibili a svolgere piccole incombenze domestiche, sanitarie e sociali per aiutare persone anziane, disabili o in difficoltà economica.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Metro Roma, il vigilante contro la rom "Te vojo fa spari"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi