Contenuto riservato agli abbonati

Il Veneto orientale scommette sulla buona tavola locale. «Ora il riconoscimento per i nostri prodotti tipici»

Lo chef Luca Faraon riceve a nome di tutti i ristoratori della Livenza il Premio Bisàt d'argento

Denominazioni comunali per il bisàt del Livenza, il linguàl di Pramaggiore, il moscardino di Caorle e la renga di Concordia: via alla campagna

TORRE DI MOSTOIl Veneto Orientale scommette sulle Denominazioni comunali (De. Co.) per salvaguardare le produzioni tipiche. Prodotti di nicchia, giacimenti di sapori e cultura locale come il bisàt (l’anguilla) del Livenza o il Linguàl di Pramaggiore (cotechino impreziosito con la lingua salmistrata del maiale). Ma anche il moscardino di Caorle e la Renga (l’aringa) di Concordia, solo per citarne alcuni.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Quirinale, Bonino: "Addolorata dal metodo carbonaro per eleggere il Presidente. Inutile stare qui"

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi