Contenuto riservato agli abbonati

Malamocco, barriere del Mose alzate in ritardo. L’ingegner D’Alpaos lancia l’allarme: «Non è il momento di sperimentare»

Il professore: «Verificare gli effetti delle manovre prima di fare sperimentazioni. La laguna centrale è a rischio sparizione»

VENEZIA. «Ancora sperimentazioni a Malamocco. Chiudono più tardi quella barriera del Mose rispetto al Lido e Chioggia. Ma il mondo scientifico vuole sapere: hanno osservato prima le conseguenze di quello che succede? È stato avviato un monitoraggio serio sugli effetti che quelle manovre hanno sulla morfologìa lagunare e sui fondali? Se continuano così, il bacino della laguna centrale già compromesso andrà distrutto».

Il

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid, Giuliano Sangiorgi dei Negramaro torna negativo e riabbraccia e coccola la figlia

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi