Contenuto riservato agli abbonati

Movida, la Prefettura ora striglia il Comune di Venezia: «Le regole ci sono, bisogna farle rispettare»

Zappalorto replica all’assessora Tosi che chiede di convocare un Cosp: mandare uomini solo a presidiare non serve

VENEZIA. «Non ha senso continuare a dedicare Comitati provinciali per l’ordine e la sicurezza pubblica sulla movida in centro storico se non vengono prese altre decisioni amministrative applicando le norme esistenti. Vale per campo Santa Margherita come per la Naranseria e gli Ormesini. Io non ne convoco più se il Comune non prende delle decisioni in tal senso. Inutile mandare decine e decine di uomini delle forze dell’ordine e della polizia locale per contrastare un fenomeno che è alimentato da centinaia di locali a cui non vengono date regole più restrittive».

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid, identikit di Omicron: la variante sudafricana con 32 mutazioni

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi