Contenuto riservato agli abbonati

Commercianti, un’altra grana: a Venezia è scoppiata la guerra dei fiori

Le proteste di Confartigianato per il proliferare di fruttivendolI che vendono anche piante in occasioni delle feste: «Il Comune si impegni a mettere le regole»

VENEZIA.  È la guerra dei fiori il nuovo fronte del dibattito cittadino sul futuro del commercio a Venezia. Dopo la mobilitazione di negozianti e artigiani di calle della Mandola per chiedere un argine al dilagare di negozi di bassa qualità ad uso e consumo del turismo low cost, ad alzare la voce sono ora i fioristi cittadini che lanciano un allarme in vista della prossima commemorazione dei Defunti.

Senza

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid, identikit di Omicron: la variante sudafricana con 32 mutazioni

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi