Contenuto riservato agli abbonati

Venezia, spiò i dati del collega. Coordinatrice dell’Usl va sotto processo

Aveva controllato la cartella clinica di un sottoposto assente per visita medica

VENEZIAUn accesso informatico non autorizzato a dati più che protetti, come le cartelle sanitarie di un dipendente pubblico, o un controllo di dati non sensibili da parte del dirigente di un ufficio, per verificare se quanto dichiarato da un proprio collega assente dal servizio per una visita medica, trovasse un riscontro?

Lo dovrà chiarire il Tribunale di Venezia, davanti al quale è iniziato ieri il processo alla ex coordinatrice infermieristica del distretto 1 di Venezia, all’ex ospedale Giustinian: B.M.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Cinque cose che forse non sapete dello stadio di Venezia, unico come la città

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi