“Mamma coraggio” porta a Roma la battaglia per la sicurezza stradale

MUSILE

Romina Laugeni sarà a Roma per un incontro ufficiale con l’associazione Aivis (Associazione italiana vittime della strada). Un altro traguardo per questa “Mamma coraggio” che ha perso il figlio Riccardo nella strage dei ragazzi in via Pesarona alle porte di Jesolo, dove morirono con lui Eleonora Frasson, Leonardo Giradi e Giovanni Mattiuzzo.


Era la notte del 13 luglio 2019 e i quattro amici furono colpiti da una Golf guidata da un 27enne romeno che aveva proseguito poi la sua strada senza fermarsi e fu poco dopo individuato e arrestato dai carabinieri.

Da allora Romina è in prima linea sui temi della sicurezza stradale, l’inasprimento delle pene, la questione del rito abbreviato nei processi. È stata ricevuta dal presidente Luca Zaia, ha discusso con vari esponenti politici e parlamentari e fondato l’associazione Alba, luci sulla buona strada, portando 1500 persone in marcia tra San Donà e Musile. «Io non mi fermo» ha ribadito «questa battaglia è per mio figlio, per i suoi inseparabili amici e le vittime di incidenti. Lavoriamo per una nuova cultura della sicurezza sulle strade e per evitare altre tragedie». —

g. ca.

Video del giorno

Val d'Ega imbiancata: le ferite ricucite di Vaia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi