Ritorna il bridge in presenza dopo diciotto mesi di stop

Dopo 18 mesi di chiusura per la pandemia, ha finalmente riaperto il Circolo Bridge Mestre. Diffuso a livello mondiale, il Bridge è un gioco di carte di cui si organizzano tornei, nazionali e internazionali, arrivando fino a campionati mondiali e olimpiadi.

Come tantissime altre attività, il Covid ha azzerato la possibilità di frequentare i circoli. Ma nella sede di via Spalti 32/e a Mestre si è ricominciato a giocare, i soci hanno ripreso a frequentare i tavoli con gioia e soddisfazione, e il direttivo ha scelto di organizzare anche un corso gratuito per principianti. «Visti i tempi difficili che stiamo vivendo, per noi questo progetto rappresenta un grande sforzo economico per risollevare il nostro circolo e, al contempo, la base culturale della città», spiega il presidente Giangiacomo Del Pra.


Il corso avrà due sessioni alternative di dieci lezioni. Inizieranno entrambe lunedì 11 ottobre: una con orario 9.30-11 oppure (a scelta) l’altra dalle 20.30 alle 22. «I soci prima della pandemia erano 140, e il nostro era uno dei circoli in maggiore espansione e tra i primi tre del Veneto», dice Del Pra. «Aperto ormai da decenni, negli ultimi anni era in forte espansione. Dopo il Covid stiamo ripartendo. L’augurio è che questa iniziativa possa essere preziosa, perché la chiusura forzata della sede ha pesato, sono calati i soci e speriamo in nuove forze di rivitalizzare il circolo. Il Bridge non è un gioco facile, va preso un po’ di punta ma è meraviglioso, e ha importanti aspetti anche di socialità. Internet ci ha aiutati a poter continuare a giocare a distanza in pandemia, ma in presenza è tutta un'altra cosa». Per informazioni: sui corsi e sulle attività telefonare al 339.8162173 o scrivere a bridgemestre@yahoo.it. —



Video del giorno

Quanti milioni ha perso Lush, l'azienda felice senza social

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi