Contenuto riservato agli abbonati

A Fincantieri il Green pass è un caso: un operaio su quattro è senza

Soprattutto 400-500 lavoratori no vax dell’Est Europa potrebbero ritardare la produzione e tornare nei loro Paesi. Certificazione obbligatoria dal 15 ottobre

VENEZIA. A Fincantieri, un operaio su quattro è privo del Green pass. Dato da aggiungere alla resistenza dei tanti lavoratori dell’Est Europa che, senza certificato, potrebbero tornare provvisoriamente nei rispettivi Paesi, ritardando la produzione del colosso di Porto Marghera. Con l’introduzione, dal 15 ottobre, del Green pass obbligatorio, Fincantieri trema.

Nella galassia dell’azienda, le occupazioni sono “a fisarmonica”, dalle 3.500

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Quanti milioni ha perso Lush, l'azienda felice senza social

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi