Contenuto riservato agli abbonati

A Venezia affitti turistici a picco. Tariffe giù del 30% e zero prenotazioni da metà ottobre

(foto Marta Buso/Interpress/Nuova Venezia)

Giacomin, presidente di Abbav: «Situazione drammatica».  Su 350 soci veneziani un centinaio hanno chiuso l’attività

VENEZIA. Il turista non arriva? E allora bisogna cercarlo. È quanto sta facendo l’Abbav (associazione che riunisce l’extra alberghiero) che si sta organizzando per andare in alcuni Stati europei a prendere contatti con le realtà del luogo. «Non ci ha aiutati nessuno, anzi» spiega la presidente Ondina Giacomin. «Su 350 soci un centinaio da inizio pandemia ha dovuto chiudere l’attività e chi sta andando avanti lo può fare soltanto abbassando le tariffe del 30% rispetto alla norma.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Covid, identikit di Omicron: la variante sudafricana con 32 mutazioni

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi