Via i passaggi a livello «Urgente organizzare un confronto pubblico»

CEGGIA

«Manca poco tempo alla decisione definitiva sul progetto di chiusura dei passaggi a livello a Ceggia. È urgente un confronto pubblico su un tema che coinvolge pesantemente tutti i cittadini e le centinaia di lavoratori che usano la Sp.58 per recarsi al lavoro».


Il sollecito arriva da Legambiente che ha inviato un documento ai sindaci di Ceggia, San Donà, San Stino, Torre di Mosto e Cessalto, a Città metropolitana, Regione e alle associazioni di categoria.

Legambiente ribadisce che innanzitutto va rimessa al centro della discussione la necessità di una viabilità alternativa all’attraversamento del paese, con la realizzazione della bretella tra il casello dell'A4 di Cessalto e la Triestina. C’è poi il nodo chiave della Sp.58 via Vittoria, su cui il passaggio a livello sarà sostituito da un sottopasso. «Riteniamo che il sottopasso non debba essere camionabile», dicono da Legambiente, «Visto che i tempi per arrivare a una soluzione alternativa con la bretella non sono coerenti con la progettazione in corso, pensiamo sia necessario avviare gli studi per trovare la soluzione migliore per la viabilità partendo da quelli esistenti. Riteniamo urgente prevedere misure compensative per le imprese coinvolte».

Per Legambiente, durante il periodo di chiusura di via Vittoria (il cantiere durerà due anni) i camion andranno dirottati sull’autostrada con uscita e ingresso a San Donà e San Stino ed esenzione del pedaggio. Degli oneri dovranno farsi carico Regione e Città metropolitana. L’aumento dei costi subiti dalle imprese locali per le maggiori percorrenze andranno compensati dal Comune con un taglio fiscale. Lo stesso aiuto dovrà riguardare le attività commerciali.

Per Legambiente i primi interventi dovranno prevedere la messa in sicurezza delle vie Pra’ d’Arca, Salezzo e Donegal, in vista del carico che subiranno per lo spostamento di parte del traffico di via Vittoria. Legambiente conferma «la necessità di mantenere il collegamento con Donegal e Salezzo attraverso un sottopasso, ritenendo prioritario il collegamento con il quartiere di via Salezzo». —

GIOVANNI MONFORTE

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Quanti milioni ha perso Lush, l'azienda felice senza social

Insalata di gallina, radicchio, mandorle, melagrana e cipolla

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi