Contenuto riservato agli abbonati

Furbetti dell’acqua granda, a Venezia il caso s’allarga: al setaccio altre centotrenta pratiche

L’acqua altra del 12 novembre 2019 è stata devastante e di danni veri ne ha provocati purtroppo molti: l’ufficio del commissario straordinario presso il Comune ha raccolto, vagliato e liquidato 6942 richieste, liquidando risarcimenti per 33,8 milioni di euro. Sono quindi state migliaia le pratiche controllate dai finanzieri, scovando un certamente minoritario, ma sfacciato nucleo di truffatori

VENEZIA. Sono ben 130 le pratiche di rimborso danni per l’ “acqua granda” 2019 in odor di truffa, rimaste nel setaccio delle verifiche della Guardia di finanza di Venezia, dopo i controlli incrociati tra la banca dati messa a disposizione dal Comune e quelle in dotazione al Corpo.

In una prima fase, sono state 13 le denunce presentate dai finanzieri per truffa aggravata ai danni delle casse pubbliche per 230 mila euro sottratti a chi invece i danni li ha patiti per davvero, e anche gravi.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

1€ al mese per 3 mesi poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Vinitaly, il vino al supermercato cresce. Romano (Iri): "Ma attenzione a non alzare troppo i prezzi"

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi