Contenuto riservato agli abbonati

Morte del falconiere Busso, indagati dodici medici dell’ospedale di Dolo

I periti: non sarebbe morto per Covid, ma per polmonite batterica. Il fascicolo è stato aperto dopo l’esposto della moglie, che per il virus ha perso anche i suoceri

MIRA. Come ha sempre sostenuto la moglie Elisa, a essere fatale a Ivan Busso sarebbe stato non il Covid ma una polmonite batterica: questa la prima conclusione cui è giunto il medico che ha effettuato l’autopsia.

 Il pubblico ministero della Procura di Venezia, Roberto Terzo,  ha aperto un procedimento penale sulla scorta dell’esposto della vedova, assistita da Studio3A,  e nei giorni scorsi ha iscritto nel registro degli indagati, come atto dovuto per dare loro modo di nominare consulenti di parte nel prosieguo delle operazioni peritali, 12 medici in servizioall’ospedale di Dolo che hanno avuto in cura il giovane falconiere.

Il

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Tonga, le prime immagini da terra dopo la devastazione del vulcano

Porridge di avena alla pera e nocciole

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi