Usl 3: stop ai tamponi gratuiti. Ecco dove si potranno fare a pagamento

Il dg Contato: «Abbiamo bisogno del personale negli ospedali».  I responsabili sanitari commentano l’abuso che alcuni hanno fatto del servizio: «Finivamo per conoscere le persone»

MESTRE. Il nuovo piano regionale di sanità pubblica viene recepito anche dall’Usl 3 veneziana. Da oggi, stop ai tamponi gratuiti per tutti, che erano mano tesa ai “no Green pass”.

«Fare un vaccino costa 15 euro, fare un tampone costa persino di più. Un vaccino, però, si fa una volta per sempre; un tampone può essere ripetuto anche tre volte a settimana da parte di chi non ha la certificazione verde. E questo incide sul bene comune» il commento del direttore generale dell’azienda Serenissima, Edgardo Contato.

«La sanità deve dare tutto, ma poi deve fare i conti con le risorse. E, quando si sottraggono risorse in maniera impropria, qualcuno poi paga nel conseguenze, anche in termini assistenziali. Perché collocare del personale per fare i tamponi in maniera ciclica significa avere meno personale per l’assistenza, per le vaccinazioni, per le cure domiciliari».

«Finivamo per riconoscere le persone in fila ai punti tampone» ha aggiunto il direttore sanitario Giovanni Carretta.

Da oggi, i test rapidi saranno disponibili a un prezzo calmierato. Gratuiti per i bambini con meno di 12 anni e per quanti non possono essere sottoposti a vaccinazione, costeranno 8 euro per i ragazzi dai 12 ai 17 anni, 15 euro per i maggiorenni, 22 euro per gli stranieri.

Di seguito, i luoghi in cui sarà possibile essere sottoposti al tampone.

Su appuntamento, nel nuovo portale dell’Usl: 3 Mestre, piazzale Giustiniani; ospedale di Dolo, distretto di Noale (piazzale della Bastia 3).

Walk through, senza prenotazione: punto prelievi ospedale Civile e piazzale Roma, Venezia; punto di primo soccorso, Pellestrina; ospedale Dell’Angelo di Mestre, ospedale di Mirano, ospedale di Chioggia.

Appuntamento diretto sul portale dell’Usl 3: monoblocco del Lido, ospedale di Chioggia.

I test rapidi saranno poi disponibili in decine di farmacie e in sette strutture private. Oltre a questo, il camper dei tamponi è atteso dal 14 al 17 agosto alla sagra di San Rocco di Dolo, il 21 agosto alla sagra di San Bortolo a Salzano, il 24 e 25 agosto alla sagra di Camponogara, l’11 e il 12 settembre alla grande festa del vino di Santa Maria di Sala.

L’elenco delle farmacie convenzionate

Intanto, la campagna di screening si muove parallelamente a quella vaccinale. E, anche in questo caso, sono in vista delle novità. «Stiamo dialogando con i rettori delle Università, l’ufficio scolastico e i sindaci, per coinvolgere le attività sportive. L’obiettivo è quello di individuare delle giornate ad hoc, dopo Ferragosto, per studenti universitari, personale scolastico e ragazzi iscritti alle società sportive» ha spiegato Contato. E sugli operatori no vax: «Allo stato attuale, con le prime sospensioni, non dovremmo avere problemi in termini di interruzione di pubblico servizio.

Collocare questi sanitari nei reparti ospedalieri Covid potrebbe essere una buona soluzione. Sembra un paradosso, ma, in termini di vestiario, sono i reparti più sicuri» ha concluso Contato.

2

Articoli rimanenti

Accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

1€/mese per 3 mesi, poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Sblocca l’accesso illimitato a tutti i contenuti del sito

Video del giorno

Prostituzione e violenze sessuali, sgominata a Bologna banda che reclutava giovani ragazze albanesi

Gallinella su purea di zucca, patate croccanti e cavolo riccio

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi