Contenuto riservato agli abbonati

Ladro col coltello: «Non urlare». Il proprietario di casa spara in aria

Terrore domenica sera in un’abitazione di Santa Maria di Sala, i malviventi erano in tre. Il padrone li ha scoperti in salotto

SANTA MARIA DI SALA. Una tranquilla domenica sera d’estate trasformatasi in momenti di terrore. Perché quando ti trovi i ladri in casa, per giunta armati di coltello, non puoi che sudare freddo sperando che quegli attimi, divenuti interminabili, passino in fretta. Tutto questo lo ha vissuto un uomo l’altroieri verso le 22.30 nella sua casa di via Cavin Caselle a Caltana di Santa Maria di Sala.

Si è trovato nel salotto di casa tre malviventi e uno di questi, senza troppi giri di parole, lo ha minacciato con un coltello: «Non urlare». Nel frattempo i due complici cercavano i soldi ma pare che non siano riusciti a trovare quanto speravano.

I tre sono fuggiti mentre il padrone di casa ha imbracciato un fucile a pompa, detenuto regolarmente, e ha sparato qualche colpo in aria per farli spaventare. A quel punto sono stati avvisati i carabinieri, intervenuti sul posto. Ieri la vittima non ha voluto parlare. Lo choc è stato parecchio per quanto successo solo poche ore prima. Uno choc difficile da superare in poco tempo, sapendo che qualcuno ha violato la tua casa.

Ora indagano i militari dell’Arma per capire chi possa aver cercato di mettere a segno il colpo in una zona lontana dal centro. Potrebbero essere utili alle indagini le testimonianze dello stesso uomo, ma anche di altri vicini o le immagini di eventuali sistemi di sorveglianza.

Di certo non è il primo episodio criminoso che si verifica nel Miranese negli ultimi giorni. Proprio la scorsa settimana, nella notte tra domenica e lunedì, si era registrato stato il tentato assalto al bancomat della Posta di via Allegri a Salzano: i banditi si erano dati alla fuga lasciando l’esplosivo dentro allo sportello.

Sabato 24 luglio, invece, era stata una donna di 80 anni a essere vittima di una rapina nella sua casa di via Vasari, zona Graspo d’Uva a Spinea. In quell’occasione l’anziana si era trovata davanti due uomini con addosso un passamontagna. La coppia era entrata nell’abitazione da pochi istanti e stava rovistando in cerca di soldi e preziosi. Un malvivente ha puntato in faccia all’anziana una pistola, forse giocattolo, e l’ha minacciata. Il bottino è stato di circa 600 euro in contanti, più alcuni gioielli in oro.

Una volta fuggiti, l’80enne ha chiamato le forze dell’ordine, a cui ha fatto seguito il sopralluogo della Scientifica per raccogliere le tracce. L’altroieri un episodio per certi versi simile si è vissuto nel Salese. È già iniziata la caccia alla banda.

Video del giorno

Eleonora Pedron: ecco perché a quasi quarant'anni ho deciso di laurearmi

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi