Contenuto riservato agli abbonati

La crociata di Noale a difesa di 36 tigli: «Ci incateneremo a quegli alberi sani»

Il Comune vuole abbattere le piante nelle vie Vivaldi e Nievo. Petizione popolare con 500 firme: «Scelta senza senso»

NOALEDue strade residenziali di Noale, un solo obiettivo: salvare i tigli. La scelta della giunta di Patrizia Andreotti di abbattere 36 alberi fra via Vivaldi e via Ippolito Nievo, motivata dal fatto che le radici stanno creando molti disagi, sta animando la discussione come non mai. I social, ovviamente, sono diventati la prima cassa di risonanza per manifestare il proprio dissenso, ma anche nella quotidianità se ne parla.

Questo articolo è riservato a chi ha un abbonamento

Tutti i contenuti del sito

3 mesi a 1€ poi 2.99€ al mese per 3 mesi

Attiva Ora

Noi la Nuova Venezia la comunità dei lettori

Video del giorno

Val d'Ega imbiancata: le ferite ricucite di Vaia

Panino con hummus di lenticchie rosse, uovo e insalata

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi