Venezia, firmato l’accordo economico per 2.700 dipendenti del Comune

I punti salienti riguardano un investimento di 2 milioni  di euro, nei 5 anni, per le progressioni di carriera del personale non dirigenziale. Inoltre ci sono riconoscimento di un bonus economico alle eccellenze per i lavoratori che si distingueranno per l'impegno

VENEZIA. Il Comune di Venezia e i sindacati Fp Gigl, Cisl Fp, Uil Fpl, Csa Ral e Rsu, hanno siglato la pre-intesa sulla parte economica per i dipendenti del Comune. L'intesa presenta elementi innovativi di rilievo a partire dalla durata dell'accordo che, per la prima volta, vale per tutto il mandato del sindaco Luigi Brugnaro (dal 2021 al 2025).

Per i 2.700 dipendenti i punti salienti riguardano un investimento di 2 milioni  di euro, nei 5 anni, per le progressioni di carriera del personale non dirigenziale. Inoltre ci sono riconoscimento di un bonus economico alle eccellenze per i lavoratori che si distingueranno per l'impegno; Una parte cospicua di risorse, pari a 1,2 milioni di euro ogni anno, sarà destinata a finanziare progetti specifici per il miglioramento dei servizi ai cittadini; Maggiore riconoscimento economico è prevista per chi ha maggiori responsabilità. «Il passaggio più rilevante dell'accordo sono le progressioni di carriera - spiega l'assessore al Personale Laura Besio- è che l'mministrazione Brugnaro ha fortemente voluto offrire un'opportunità di crescita professionale che risponde, concretamente, alle aspettative di quei dipendenti che, grazie alle proprie capacità e abilità, potranno contare su percorsi di crescita trasparenti. Un'opportunità bloccata da 13 anni».

Video del giorno

Venezia. Un concerto in Canal Grande per la barca violino

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi