La Finanza confisca due case a Mestre, valore 400mila euro

Provvedimento nei confronti di un cittadino cinese che dichiarava al Fisco redditi incompatibili 

VENEZIA. La Guardia di Finanza di Venezia ha confiscato due immobili a Mestre per un valore stimato di 400 mila euro nei confronti di un cittadino cinese. Le precedenti indagini avevano evidenziato, spiegano gli investigatori, una palese sproporzione tra i redditi dichiarati negli anni dallo straniero e i capitali impiegati per l'acquisizione delle proprietà.

L'uomo aveva inoltre numerosi precedenti penali (commercio e vendita di prodotti con segni falsi, introduzione nello Stato di prodotti contraffatti e ricettazione).

Il provvedimento è stato emesso dalla Sezione misure di prevenzione del Tribunale di Venezia, sulla base di indagini dirette dalla Procura.

L'atto, spiega ancora la Gdf, cristallizza e trasferisce a patrimonio dello Stato le proprietà immobiliari che erano già state oggetto di un "sequestro di prevenzione" disposto sempre dal Tribunale ed eseguito nell'ottobre 2020. 

Video del giorno

"Un boato e siamo usciti di casa": il racconto dalle zone del terremoto in provincia di Treviso

Burger di lenticchie rosse

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi