Tradito dal mare molto mosso 72enne muore dopo i soccorsi

Tratto a riva ancora cosciente da un bagnante l’anziano è spirato subito dopo Il dramma davanti alla compagna sulla spiaggia libera della Laguna del Mort

ERACLEA

Ha fatto il bagno nonostante il mare mosso e un’onda lo ha sopraffatto. È morto nello specchio di mare davanti alla darsena Mariclea il 72enne Roberto Pan di Mogliano Veneto. Si trovava in spiaggia con la compagna nella prima parte di arenile davanti alla Laguna del Mort, di fronte alla darsena della località balnare. I bagnanti si sono accorti dell’uomo in difficoltà e hanno chiamato gli addetti al salvamento più vicini, quelli in servizio alla “Eraclea Beach” non molto distante.


Anche ieri le condizioni del mare erano minacciose e sventolava la bandiera rossa nella zone in concessione e con servizio di salvataggio attivo. Ma il 72enne era in zona libera e si è immerso ugualmente tra le onde. Gli assistenti al salvataggio lo hanno raggiunto assieme a un bagnante, Giorgio Perissinotto, sandonatese residente a Padova, in ferie in questi giorni, trascinandolo a riva ancora cosciente. Non si esclude possa aver faticato per stare a galla in acqua, sommerso dalle onde, e per questo abbia bevuto. Le sue condizioni si sono aggravate poco dopo, giusto il tempo di pronunciare poche parole e poi il suo cuore si è fermato. Gli assistenti ai bagnanti hanno cercato di rianimarlo anche con il defibrillatore mentre attendevano i soccorsi. Sono giunti anche i sanitari del Suem 118 che con l’elisoccorso, quindi la polizia locale e la guardia costiera. I sanitari hanno infine dovuto constatarne il decesso. «Abbiamo fatto di tutto» , ha raccontato Perissinotto, subacqueo esperto, «purtroppo non è servito per salvare quell’uomo. Gli assistenti ai bagnanti sono stati estremamente veloci nell’intervento e anche i sanitari giunti poco più tardi. Purtroppo le condizioni del mare erano molto pericolose per chiunque ieri». Il corpo è stato affidato alle onoranze funebri Walter Gusso.

Intanto, è fuori pericolo il ragazzo irlandese di 16 anni, ricoverato all’ospedale di Portogruaro, che ha cercato di salvare il padre in mare domenica a Eraclea mare, davanti a via Santa Croce. Il padre 51enne è invece spirato sulla spiaggia dopo che assieme erano stati sopraffatti dalle onde al largo cercando disperatamente di raggiungere la riva. In questi giorni di burrasca è bene evitare di fare il bagno per le tante insidie che il mare mosso riserva anche a nuotatori esperti che possono essere trascinati dalle correnti. —



Video del giorno

La furia di un corso d'acqua nel Massese

Burger di lenticchie rosse

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi