Contenuto riservato agli abbonati

Rapinata in casa nella via bersagliata dai ladri, ottantenne costretta a trasferirsi dalle figlie

Quando è rientrata si è trovata davanti una pistola, forse giocattolo: si sono fatti consegnare 600 euro e preziosi I residenti: «Qui hanno colpito molte volte, e ora abbiamo paura: servirebbero più controlli delle forze dell’ordine»

SPINEA. Torna la paura in via Vasari, zona Graspo d’Uva. Sabato sera, verso le 22, l’ultimo episodio di violenza. Vittima una anziana di 80 anni: due malviventi, travisati col passamontagna, le hanno puntato in faccia una pistola, probabilmente giocattolo, nel momento in cui lei rientrava in casa.

Torna la paura, dunque, perchè i ladri in questa strada hanno colpito più volte nel corso degli anni.

La stessa ottantenne rapinata sabato, era già stata colpita dalla visita dei ladri due anni fa. L’anziana aveva fatto mettere un allarme, in modo da sentirsi più tutelata e per evitare le intrusioni dei ladri, anche in considerazione delle sue condizioni di salute. Ora la donna, per qualche giorno, in attesa di riprendersi dallo choc, dormirà dalle figlie. Ma poi?

Tutto è capitato quando verso le 22 di sabato è rientrata nella sua casa. Non appena ha aperto la porta, però, l'anziana vedova ha sorpreso terrorizzata due banditi a rovistare tra le sue cose.

Uno dei due ha puntato l'arma verso la donna ordinandole di consegnare denaro, preziosi e di aprire loro la cassaforte. I banditi hanno preso quello che potevano razziare e alla fine, minacciandola, se ne sono andati con un bottino di circa 600 euro e gioielli d'oro. Usciti di casa si sono dileguati. Forse ad attenderli fuori c'era un complice.

La donna, subito dopo l'accaduto, ha chiamato in aiuto terrorizzata un vicino di casa e insieme a lui sono stati chiamati i carabinieri di Noale che giunti sul posto hanno subito raccolto le testimonianze e cercato di capire cosa era successo. È stato richiesto un sopralluogo della Scientifica per cercare di trovare qualche traccia e indizio.

Ieri però tutta via Vasari in allarme. «Sappiamo che la signora, che è vedova, è già stata colpita dai ladri» raccontano una donna e la madre «Da quanto sappiamo aveva anche fatto installare dei sistemi d'allarme. Purtroppo pare che i ladri li abbiano elusi. La signora è stata subito soccorsa dal suo vicino di casa a cui ha telefonato dopo la rapina. Una preoccupazione in più ora, per lei che è anche sofferente di cuore. Le figlie l'hanno portata giustamente per qualche giorno nella loro casa».

Anche altri residenti sono preoccupati. «In questa strada» ricorda una donna che abita in una palazzina «ci sono stati diversi furti nel corso degli ultimi anni. Già precedentemente i ladri si erano fatti vivi colpendo in serie anche nelle palazzine, in appartamenti e garage. È una situazione preoccupante: quando fanno queste razzie i ladri fanno danni per centinaia di euro, ben che vada. Se poi arrivano con le pistole...».

I residenti chiedono più controlli delle forze dell'ordine. «Forse questa strada risulta appetibile ai ladri perchè isolata» spiegano «servono più pattugliamenti serali di polizia e carabinieri».

Le forze dell'ordine sarebbero sulle tracce dei banditi. Cercano di capire se le abitudini dell'anziana siano state studiate prima di colpire. Forse i ladri si aspettavano una cassaforte all'interno. Forziere che non hanno trovato, perchè in casa l’80enne non ne aveva.

Video del giorno

Homeschooling, il racconto di Morena Franzin: "Tre figli che studiano a casa, nessun rimorso"

Barbabietola con citronette alla senape e sesamo

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi