In evidenza
Sezioni
Magazine
Annunci
Quotidiani GNN
Comuni

Mirano Summer festival «Torneremo nel 2022 con ospiti di alto livello»

Solo 15 mila accessi per le restrizioni covid

A.Rag.
1 minuto di lettura

MIRANO

Partiamo dai numeri del Mirano Summer Festival che, lo sapeva già alla vigilia di questa edizione, mai sarebbero stati quelli degli anni passati: una media di 800 persone a serata (in totale 26 ndr), per assestarsi attorno alle 15 mila unità considerato il maltempo. Due anni fa, in periodo pre Covid-19, per il piazzale degli impianti sportivi di via Cavin di Sala ne erano passate dieci volte tante. Stavolta, tra spazi e distanze da rispettare, area degli spettacoli ridotta per avere solo dei posti a sedere, era inevitabile che ci fosse un crollo delle presenze. Anche perché più di 800-1000 non ci potevano stare.

Una doverosa premessa per fare un bilancio di questa edizione chiusasi ieri sera, e scattata giovedì 1 luglio, ma che l’Associazione Volare e il suo patron Paolo Favaretto guardano già al prossimo anno, quello che, si spera, sia della vera ripartenza. «Nel 2021 abbiamo giocato, non abbiamo fatto il Mirano Summer Festival» dice Favaretto dal palco salutando i presenti per l’ultima volta quest’anno «ma abbiamo voluto esserci, rispettando le regole. Non è stato facile, avete visto che non è mai stato come gli altri anni: tornerà nel 2022, Covid-19 permettendo».

Favaretto si spinge già in avanti e fissa le date, rivelando che potrebbe essere un Summer con tanti ospiti conosciuti in tutta Italia. «Partiremo il 30 giugno» fa sapere «e andremo avanti per tutto luglio. Avremo cantanti a livello nazionale ma potremmo annunciarli solo quattro mesi prima. Ci saranno delle serate solo per i giovani, altre rivolte a tutti ma sarà un Summer più libero». Favaretto ha ringraziato i presenti dando appuntamento fra un anno. Possibilmente senza restrizioni. —

A.Rag.

I commenti dei lettori