Contenuto riservato agli abbonati

Jesolo: rottweiler azzanna un passante e lo ferisce

L’aggressione in via Botticelli a Jesolo Paese. Brutta avventura per un 40enne che è dovuto andare al pronto soccorso: «Ho avuto paura». Il cane tenuto da una 15enne

JESOLO. Rottweiler azzanna un passante con il suo cane in via Botticelli a Jesolo Paese, ancora polemiche e discussioni in città. Il fatto è accaduto alle 9.30 di mattina. Un operaio 40enne di Jesolo era a passeggio con il suo cane, quando all’improvviso sente qualcosa che lo assale da tergo e lo fa cadere sul proprio cane, un pastore di medie dimensioni.

Per fortuna la caduta è stata attutita e successivamente il suo cane ha cercato di difendere il padrone facendo desistere l’altro cane dalla presa. Provvidenziale anche l’intervento della proprietaria dell’altro cane, un Rottweiler. Era tenuto a guinzaglio, ma da una ragazzina di 15 anni. Per il 40enne, ferite ovunque e la necessità di correre al pronto soccorso. Deve ringraziare il proprio cane che lo ha difeso. Medicato e disinfettato dai sanitari, ora sta decidendo se fare causa e chiedere un risarcimento.

«Me la sono vista brutta, ad un certo punto ho avuto paura, ma adesso sto bene». In breve tempo l’episodio è stato raccontato e ha fatto il giro della città, dove sono state segnalate anche altre aggressioni. La Leida, lega italiana difesa animali e ambiente prende le difese della vittima dell’aggressione. «Siamo del parere che un cane di grosse dimensioni come un Rottweiler», dice il presidente regionale Leidaa, Andrea Marin, «non può essere lasciato in custodia anche se con guinzaglio, a una ragazza minorenne, poiché è un cane difficile da gestire, può facilmente sfuggire al controllo del conduttore.

Come associazione siamo i primi a ricordare le responsabilità dei proprietari dei nostri amici a 4 zampe. In tema di lesioni colpose il codice penale impone l’obbligo al detentore di un cane di controllare e di custodire l’animale adottando ogni cautela per evitare e prevenire le possibili aggressioni a terzi, così da obbligare il proprietario ad adottare tutte le cautele necessarie a prevenire le prevedibili reazioni dell’animale».

«Se il cane morde un altro cane o una persona come in questo caso», ricorda, «per il padrone possono esserci conseguenze serie: secondo la legge il proprietario di un animale, o chi lo ha in custodia, ne risponde civilmente e sul piano penale. Dal punto di vista penale, la “Omessa custodia e mal governo di animali” prevede l’arresto fino a tre mesi e la condanna al pagamento di una multa fino a 258 euro. Se il cane morde una persona può scattare per il proprietario la denuncia per “Lesione personale” che punisce con la reclusione fino a tre mesi o con la multa fino a 309 euro» .

Video del giorno

Schiavi di Booking? Federalberghi Veneto e il difficile rapporto con le agenzie online

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi