Contenuto riservato agli abbonati

Il sistema informatico va in tilt: lunghe file e disagi in ospedale a San Donà

Ieri mattina il blocco alle linee dell’accettazione per i laboratori e il Covid point. Saltano analisi del sangue e tamponi. Possibile fare il test senza prenotazione

SAN DONA’. Code e lunghe attese per gli esami di laboratorio e covid point, un'altra giornata di tensione all'ospedale di via Nazario Sauro. Ieri mattina i sistemi informatici della struttura si sono nuovamente bloccati. Un problema per chi doveva eseguire esami del sangue e di laboratorio, ma anche i tamponi. Le attese si sono dilungate, fino al punto che molti cittadini, soprattutto anziani, hanno dovuto rinunciare.

Erano in coda, vicini l'un l'altro con pericolosi rischi di assembramento. Le scuse sono giunte subito in mattinata da parte dell'azienda sanitaria ancora alle prese con un problema di carattere informatico che è stato risolto a metà mattinata.

Era già accaduto un paio di mesi fa al Cup, centro unico prenotazioni, con conseguenze anche sui tamponi e i programmi per la vaccinazioni per i quali tra l'ospedale e via Girardi le code si sono formate con cadenza quotidiana in quanto i sistemi andavano sempre in tilt.

«Ieri mattina, tra le 8.15 e le 9.30, un problema informatico ha provocato il blocco del sistema di accettazione che riguarda i laboratori analisi e i covid point dell'Usl4 - ha chiarito l'azienda sanitaria Usl 4 - riguardo l'attività di laboratorio, chi non ha potuto attendere la risoluzione del problema ha ricevuto un nuovo appuntamento per effettuare la propria prestazione. Chi doveva svolgere il tampone, e non ha potuto attendere, può ritornare, in orario di apertura dell'ambulatorio, senza prenotazione e senza prescrizione medica». «Allo stato attuale la situazione è ripristinata - conclude la comunicazione giunta in mattinata - ci scusiamo per il disagio causato purtroppo da un problema imprevedibile».

Il direttore generale dell'Usl 4 del Veneto orientale ha già chiesto spiegazioni nei mesi scorsi alla società che si occupa dei sistemi informatici e ha in appalto il servizio, adombrando la possibilità di chiedere anche un risarcimento per i disagi subiti se dovessero presentarsi ancora frequentemente.

Il problema tecnico sembra collegato alla linea che è spesso sovraccarica per i dati che deve sopportare. Evidentemente non si è ancora risolto del tutto se si ripete di tanti in tanto bloccando di fatto tutti gli esami nel corso della mattinata.

Anche se la linea è sospesa per poco tempo, è stato poi difficile smaltire le code e l'attesa è aumentata in ogni caso. I cittadini che accedono ai servizi sono fortemente critici su quanto accaduto ieri per i disagi subiti.

«Ieri mattina - commenta chi era presente in fila e attendeva il proprio turno - eravamo tutti in coda e ammassati in poco spazio, lungo il corridoio centrale. Ci facciamo tanti problemi per gli assembramenti e poi si verificano queste situazioni in cui tante persone sono uno vicino all’altro in fila, con il serio rischio di contagi».

Video del giorno

Schiavi di Booking? Federalberghi Veneto e il difficile rapporto con le agenzie online

Granola fatta in casa

Casa di Vita
La guida allo shopping del Gruppo Gedi